Fb-Button
Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

Umanità usa e getta

DEFICIENTI NUCLEARI.

L’ attuale patetico dittatore nordcoreano pare aver raccolto in eredità, oltre ad un potere assoluto tipico retaggio dei regimi comunisti, la somma algebrica della follia dinastica del padre e del nonno. Se a ciò si aggiunge l’ aspetto estetico, che lo indica come chiaro soggetto necessitante il TSO, prende forma un quadro a tinte fosche per il mondo intero. Questo concentrato di megalomania assoluta sembra voler ritornare sui sentieri della pazzia già percorsi da Napoleone Bonaparte, dall’ Impero Austroungarico, da Mussolini, da Hitler, da Stalin, da Mao e diversi altri “piccoli” dittatori malati di se stessi (Gheddafi, Castro, Saddam Hussein). Queste schegge di follia occupano la scena mondiale passandosi il testimone in una sorta di staffetta storica fatta di guerre, stermini di massa, campi di concentramento e culto della loro personalità, di norma malata e schizofrenica. In questo inizio di secolo spicca fra i tanti Rais la figura, fisicamente raccapricciante, del “ciccio bombo” coreano con quelle sue guancione da prendere a schiaffi terapeutici prima, durante e dopo i pasti che mostra essere così smodati da far sembrare Lucullo votato all’ anoressia. Oggi dunque il mondo sarebbe in mano a tale definibilissima (in termini clinici) espressione umana. Il nostro presente, il domani e il dopodomani condizionato da questo patetico esempio di dinastia geneticamente modificata allo scopo di generare il male. Più o meno cento chili di adipe che vogliono far pendere l’ ago della bilancia mondiale verso il caos e la distruzione totale. Ci voleva questo pupazzone autogonfiabile per spostare l’ attenzione dal cancro terrorista islamico che, come una dieta iposodica, ci viene servito ogni sera e ogni giorno ai pasti dagli chef dei telegiornali. Siamo ritornati ai “bottoni rossi” della guerra fredda che ci ha bombardato per 40 anni a base di Krusciov, Bresnev e il purtroppo quasi eterno Castro. Si riparla di missili, di bombe atomiche, di arsenale nucleare, di tutta quella immondizia tecnologica tanto cara ai deficienti che, non crescendo mai, restano infantili a vita e sognano la madre di tutte le battute di caccia, il safari cosmico, per distruggere il Pianeta. Ora il tormentone di moda è rappresentato da questo faccione dal Q.I. presumibilmente prossimo allo zero assoluto, che occupa tutti i pollici dei televisori per quanti essi siano. Il divo incontrastato è questo intestino parlante che domina platee adoranti del tutto identiche a quelle che osannavano ed acclamavano Hitler, Stalin e Mao. Ci siamo di nuovo. Siamo sempre nel piccolo villaggio cavernicolo chiamato Terra nel quale il bipede idiota, con ancora in mano la clava della sua sconfinata superbia, minaccia la guerra nucleare, si pappa i vitalizi parlamentari, impone tasse illegittime sulla caverna (oggi casa) e doppie sulle palafitte (seconde case), impone la cancellazione dei sessi, la rasatura delle chiome femminili, la condanna della libertà, della bellezza e dell’ arte. Nulla di nuovo sotto il sempre più stanco Sole. C’ è sempre la solita carcassa in putrefazione chiamata genere umano, genio del male assoluto e supremo imbecille con smanie e manie di onnipotenza. Autentico rifiuto urbano tossico.

VITA O MORTE PROGRESSIVA?

Quando si nasce (o si comincia a morire) si è spinti da forze sconosciute che dettano imperativi biologici in grado di far sopreavvivere organismi totalmente indifesi e non autosufficienti.  Già questo meccanismo naturale introduce elementi soprannaturali e spirituali idonei a chiudere la bocca, sempre spalancata come le finestre di una casa abbandonata, ai super geni dell’ ateismo, specialisti nel negare ma tetraplegici nel proporre.  Dunque la domanda che scavalca le barricate ormai superate dall’ evoluzione del pensiero filosofico postivo non è più se si venga al mondo per una sorta di genesi scientifica o per Mano Divina data l’ evidenza, anche per i sassi, della seconda ipotesi ma, più profondamente, se nasciamo o invece cominciamo a morire. Di primo acchito parrebbero la stessa cosa,   un po’ come l’ immagine rovesciata allo specchio e l’ originale ma, raschiando con l’ unghia della curiosità cognitiva, emerge subito l’ abissale differenza fra le due alternative. Intanto nascere introduce il connotato di evoluzione, sia biologica che spirituale, la tendenza all’ essere e al significare in funzione di un progetto che va oltre la propria persona. Nascere come inizio di un itinerario la cui meta è la ragione stessa del nascere, visto in un divenire di natura e spiritualità, di corpo e anima. In quest’ ottica la vecchiaia, quale decadere fisico, appare la risposta, netta come uno schiaffo, agli atei adoratori della divinità Scienza creatrice della casualità chimico fisica. Se fosse per questa che esistiamo la triste parabola dell’ invecchiamento non avrebbe senso poichè tutto sarebbe regolato dal caso originale, da una immutabile combinazione di fattori biologici che, accidentalmente e inconsapevolmente, avrebbero creato la vita. Accettare l’ ottica del nascere significa vivere cercando di nobilitare il corpo con una dose di spiritualità che non significa necessariamente fanatismo ascetico o ignorante fuga dal corpo e dalla sua naturalità. Mentre accettare la nascita come inizio di una morte progressiva vuol dire seguire passivamente un evento biologico il cui orizzonte esistenziale non va oltre gli istinti della fame e della sete. Nascere è sentirsi parte di un universo popolato da altre creature e rispettarne la vita come fosse la propria. Morire progressivamente è considerarsi il centro di un universo da depredare, da divorare, da sottomettere, da usare e gettare a proprio irresponsabile piacimento. E’ in sintesi la cultura della vita contro quella della morte. Se si nasce non si uccide, non si ruba, non si incendia, non si spara, non si stupra. Si è scienza e coscienza, si è autentici individui con l’ anima presente nella mente e nel cuore. Se si muore a partire dalla nascita si è materia indefinita, magma distruttivo ed insignificante una volta raffreddato, orgoglioso solo della fetida scia lasciata al proprio passare insieme al male arrecato. Nascere come prospettiva umana, filosofica e spirituale dunque, e morire dalla nascita come assenza di prospettiva, di valore, di significato e di finalità. Venire al mondo è facile e possibile a tutti, saperci stare e conferirgli dignità è riservato a pochi.

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150