Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

Non siamo tutti uguali.

ECLISSI DELLA MENTE.

Prendo a prestito il fenomeno astronomico (di strettissima attualità) per  evidenziare l’ analogo e molto  più pericoloso oscuramento della mente che si verifica in caso, fin troppo frequente purtroppo,  di allineamento al pensiero unico servito sul vassoio miserabile del politically correct. Mi riferisco alla filippica buonista rifilata alla platea compiacente di giornalisti, pronti poi a diffonderla su ogni mezzo di comunicazione, dal pro-tempore inquilino del Quirinale in occasione della festa del ventaglio. In essa si narra di un preteso e incombente pericolo di far west all’ italiana in danno degli immancabilmente innocenti immigrati e zingari. Gli italiani, secondo tale assunto, dopo averne supinamente e irresponsabilmente accolti a milioni  sarebbero, d’ improvviso, diventati pericolosissimi killer con l’ ovvia aggravente razista utilizzata ad ogni piè sospinto. E’ bastato qualche episodio di dubbia genesi ad affibbiarci tale connotato e a scatenare le sirene d’ allarme del  piccolo universo buonista e accogliente tanto a immigrato. Solo casualmente le stesse sirene sono restate silenziose in occasione degli innumerevoli delitti perpetrati da zingari e immigrati vari. Case occupate se solo ci si reca a far la spesa, conducenti di mezzi pubblici picchiati (e licenziati) da “portoghesi” immigrati, ragazze fatte a pezzi come quarti di pollo, donne violentate tutti i gironi, risse e rapine quotidiane organizzate da “rifugiati”, sporcizia e liquame sui marciapiedi e zone franche interdette anche alla polizia, non sono segni di incombente, anzi conclamato far west agli occhi tanto vigili dei buonisti accoglienti. Tutto questo edificante panorama sfugge all’ analisi pseudo sociologica di bottega di una sinistra che è stata capace di negare per decenni i crimini comunisti delle foibe e delle deportazioni di zingari ed ebrei di matrice sovietica. A costoro sfugge, da sempre, la Storia sia essa secolare che quotidiana. Vedono solo ciò che essi dichiarano esistere, tutto il resto è censura, è oscuramento, è eclissi mentale da allineamento  dottrinale e settario, è assenza di autonomia intellettuale, è manovalanza spicciola lautamente retribuita. La figura del Presidente della Repubblica è per definizione al di sopra delle parti politiche ma tale stato di superiorità equidistante non si realizza tramite una semplice elezione (come un semplice Conclave non crea di botto Santità). Occorrono atti di coraggio intellettuale, occorre essere liberi da condizionamenti e da pregiudizi di bottega per provare ad assomigliare, anche solo lontanamente, a Gesù o a Salomone. La verità delle parole non è data e certificata dalla carica di chi le pronuncia ma dalla rispondenza alla realtà di esse. Affermare che l’ Italia si stia avviando al far west è vero solo in prospettiva, non troppo futura,  e questo a causa di una accoglienza irresponsabile di milioni di individui culturalmente e religiosamente agli antipodi rispetto alla nostra matrice cristiana, risorgimentale e occidentale. L’apocalisse sociale paventata si verificherà, certo, ma per colpa di quelle menti esaltate che ritengono possibile, anzi doveroso che in Italia entrino Africa, Medioriente e resto del mondo tutti insieme. L’ apocalisse sociale non sarà perchè l’ italiano si scopre improvvisamenbte pistolero razzista ma perchè è già oggi costretto a difendere la sua casa e la sua vita. Quano ad un popolo si vuol togliere l’ identità nazionale, quando si vuole trasformare le città in giungle nelle quali rubare la tana dell’ altro diventa la regola,  aspettarsi un far west è il minimo che una mente, non in eclissi da allineamento politico, possa prevedere.

IL PRIMATO DELL’ ULTIMO.

A volte è indispensabile occuparsi degli imbecilli e di essi scrivere.  Chi sono costoro? Sono quelli che blaterano, ad ogni latitudine, del primato dell’ uomo sulle altre creature e sulla natura tutta. Questa pretesa superiorità induce a  giustificare, anzi ad autorizzare le più spregevoli nefandezze compiute da orde di sottosviluppati umanoidi in colpevole libertà. Dalla Sacra Bibbia qualche idiota ha estrapolato “… Tu uomo governerai sulle creature del mondo  … ” e, non casualmente, frainteso  “dominerai” considerando così il comandamento una sorta di licenza di caccia, di sterminio, di distruzione, di utilizzo a piacere. Da cotanto potere investito l’ idiota “uomo” si è dedicato a fare del mondo un Inferno a sua immagine e somiglianza. Si è convinto così che per un’ idea, quasi sempre per un capriccio travestito da idea, possa uccidere, torturare e disporre della vita di ogni essere compresi i suoi simili. Eppure sarebbe sufficiente il paragone con le capacità degli uccelli i quali, con l’ ausilio del solo becco, riescono a costruire opere d’ arte residenziali, per certificare la sua inferiorità intellettuale. Cosa è in grado di fare infatti con l’ uso della sola bocca il bipede di Neanderthal?  Bestemmiare, maledire e propagare epidemie sociali quali sono stati il comunismo, il nazismo e l’ islamismo, con i loro addentellati “residenziali” modello campi di concentramento e di sterminio. In quale anfratto del Creato risiederebbe dunque questa superiorità dell’ uomo, questo suo diritto di disporre del mondo? I soli habitat capaci di ospitare questo folle teorema sono le sue anse cerebrali, il suo ego smisurato, la sua inguaribile ignoranza, la sua infinita imbecillità.  Può una creatura così mal fatta e molto spesso esteticamente ributtante, essere il centro dell’ Universo? Si è la risposta valida solo per i cretini che non hanno capito, o fingono di non capire, che governare è servizio e non dominio. Che essere uomini e avere il privilegio della parola è impegno spirituale prima che fisico, impegno che chiama a comportamenti guidati dalla cultura e non dalla natura. In questa ottica è deprimente sentire questo Papa “venuto da lontano”, ma essere  ancor più lontano dalla verità, perorare la causa dei bisogni materiali, la comprensione delle devianze quali le unioni omosessuali, stabilire il primato poltico su quello dell’ anima, come fosse un qualsiasi direttore commerciale d’ azienda. Evidentemente anche la sua figura è frutto di autocertificazione, di autoreferenzialità, di totale secolarizzazione. Non è un caso infatti che la Sua “dottrina” si riduca ad una nevrotica e maniacale contrapposizione fra ricchi e poveri, ad una rivendicazione sindacale meramente espropriatrice, ad una riedizione in salsa cardinalizia del Capitale di Marx. Una “dottrina” comoda e popolare che consente di cavalcare l’ onda  dei diritti dello stomaco tralasciando i doveri dell’ anima. Questi ultimi se rispettati e osservati farebbereo dell’ individuo un degno centro dell’ Universo e non l’ attuale, insaziabile e periferico intestino. L’ unico primato che l’ uomo può vantare è quello di essere moralmente, filosoficamente e intellettualmente ultimo.

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150