Fb-Button
Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

l’ industria bellica e l’ economia.

L’ ETERNO BAMBOCCIONE.

Cinque o seimila anni sembrerebbero un tempo congruo per passare dall’ infanzia alla maturità anche per una pietra. Non così pare per il genere umano che di “civiltà in civiltà” ha mantenuto intatto il suo senso del ridicolo, del miserabile e della eterna ignoranza,  doti precipue che si appalesano in quel che chiamo “il triste gioco di Adamo” cioè la guerra. A fronte di evoluzioni tecnologiche, umanistiche e scentifiche, che lo hanno portato perfino a calpestare altri mondi resta inamovibile ed irriducibile la meschinità mentale di questo infantile e nefasto dispetto della natura che, alla veneranda età evolutiva di cui sopra, ancora “gioca” e uccide con carri armati, aerei e armi chimiche, come il più patetico dei cerebrolesi. A questo proposito fanno tenerezza le parole di Papa Francesco che in un accorato appello ha esortato i così detti “grandi e piccoli” della Terra a non ripetere follie belliche. Egli pensa, evidentemente, di rivolgersi a persone capaci di intendere e di volere, a persone che possano aver fatto tesoro delle immani tragedie militari che nei secoli hanno devastato il mondo, a persone che dopo aver “letto” Socrate e Platone prima, e Gesù dopo, possano aver capito se sono ancora sulle palafitte o no. La tragedia consiste proprio in questa illusione che,  supportata dal morbo del “politically correct”,  impedisce al Papa di usare le parole che qualunque padre di famiglia direbbe ad un figlio scellerato che a 30 anni si comportasse da idiota bamboccione. Si tratta in sostanza di un  primitivo lassismo morale generalizzato che permette al capo di uno Stato di fare guerre in nome di valori che dimostra di ignorare, e giù fino al privato cittadino di fare guerre e violenze in famiglia, sul lavoro, nella scuola, sulle donne, sui bambini e sugli animali.  Bisognerebbe gridare in faccia a questo bamboccione di vergognarsi del suo comportamento da analfabeta, della sua alterigia in base alla quale si è autoproclamato Homo Sapiens quando l’ unica “sapienza” che possiede in abbondanza è quella di fare del male con naturalezza genetica. Lo gridi pure senza timore l’ energico Papa Francesco,  la Sua semplicità glielo permette, la Sua veste di guida spirituale della religione della non violenza Lo autorizza e la  responsabilità di Padre verso credenti e non glielo impone. Gesù non si è mai piegato al “politically correct” e non ha mai stretto la mano di Pilato o dei Farisei, li ha apostrofati come meritavano non per semplice giudizio morale ma per la limpidezza Divina che non permette di navigare e barcamenarsi fra le onde ma impone di governare il mare. La morale non ha i confini degli Stati e difenderla costringendo i loro capi a rispettarla non è ingerenza politica ma missione spirituale autentica e totale.  Parafrasando Cecco Angiolieri, “S’ i fosse Papa” griderei: “imbecilli! Non vi vergognate di giocare ancora alla guerra come i primitivi di 3000 anni fa? “

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150