Fb-Button
Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

Il Papa e la semplicità

LA FANCIULLEZZA DI FRANCESCO.

Il mondo ha ormai visto i Suoi occhi e la crosta terrestre ha tirato un sospiro di sollievo: forse questa carcassa di pianeta non dovrà morire tanto presto se su di essa germogliano ancora simili fiori.  Sono gli occhi vivi di un fanciullo che guardano il mondo con la semplicità e la sincerità di chi pur avendo spento molte candeline è riuscito a non farsi corrompere dall’ età adulta, dalla seriosità cerimoniale, tanto cara agli antichi baldacchini, e da quell’ ambigua sorella gemella dell’ ipocrisia chiamata diplomazia.  Le purpuree vesti fruscianti hanno già manifestato quel certo fastidio causato dalla adolescenziale idiosincrasia verso il “protocollo di corte” di cui è portatore sano il Pontefice della Pampa. Ma innovare fa sempre rima con rompere, col passato, con le gerarchie, con i dogmi. Anche la Chiesa come tutti gli ordini che si sono cristallizzati diventando dei Poteri, ha i suoi protocolli granitici e inamovibili, anch’ essa pur operando nel “mercato Divino delle anime” non ha resistito nei secoli a dotarsi di sovrastrutture che negano la sua spiritualità, la sua natura di Casa di Dio e degli uomini (in senso universale). Ma ecco che per un dispetto del Bene ha superato i più lontani orizzonti un fanciullo di straordinaria semplicità e spontanea grandezza. Ecco che un vento nuovo è venuto a piegare i rami della burocrazia clericale spezzando quelli secchi e costringendo quelli che, opportunisticamente si erano spinti verso fonti di luce artificiale, a risollevare le fronde verso Dio, verso la gente e verso l’ anima. La scossa della Sua carezza è stata di estrema magnitudo ed il tempio non ha retto. Le moltitudini di ogni età hanno riconosciuto subito la forza di attrazione del Suo messaggio ed anch’ esse, ritornate alla fanciullezza perduta, si sono ritrovate intorno a Lui. Il Suo passo non è solenne e studiato ma semplice e teneramente irriverente, la Sua parola sgorga come acqua sorgiva e sorprende, rincuora e convince.  La Sua voce non tuona stentorea anatemi e misteri incomprensibili ma recita, con la semplicità di una madre, la ricetta del buon pane di casa, il solo capace di saziare fame e sete di vita, di conoscenza e di certezza. L’ abito bianco della Santità, da sempre lontano ed inavvicinabile, su di Lui acquisisce la semplicità del saio francescano e torna ad essere un simbolo di umiltà smettendo il significato di corona reale. La Chiesa che vorrei non è ancora quì ma il Papa che la realizzerà è arrivato, è fra noi. D’ ora in poi non avremo più l’ alibi di comodo di esempi dall’ alto per non essere cristiani e caritatevoli, e non potremo più giudicare l’ altrui pagliuzza ignorando la nostra trave: il fanciullo chiamato Francesco sta di nuovo cacciando i mercanti dal Tempio e con essi i loro troppi clienti.

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150