Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

I sacerdoti della morte

EUTANASIA DI STATO.

Apparentemente il mondo si dichiara sconvolto dalla morte del piccolo Alfie di Liverpool ma non lo è per niente. Questa commedia del dolore è una farsa interpretata da giudici (spesso la parola fa rima con sudici), da Papi che si dicono addolorati ma nel contempo si scagliano contro la medicina rigenerativa, da politicanti che,  per far cassa elettorale, regalano una cittadinanza platonica mentre professano l’ eutanasia come pilastro della libertà.  La verità è che stiamo vivendo un’ era di morte, un’ epoca dominata da crudeltà quotidiane servite ai pasti da telegiornali meramente sensazionalistici realizzati nei sottoscala della “kultura” e dell’ ideologia. Si parla solo di morte, si coniano parole stupide come femminicidio, tutto si classifica e si codifica facendo sì che le peggiori manifestazioni della bestia umana diventino moda e vengano, in sostanza, accettate come inevitabili, anzi normali. Il fatto poi che una persona, si è tale anche a due anni di età,  possa essere “sequestrata” da un magistrato, che altro non è se non un impiegato statale, e che costui possa impedire ai suoi genitori di esercitare la loro legittima potestà, rappresenta la fine della civiltà occidentale nella quale domineranno sempre più gli stregoni in toga, in tutto identici a quelli con monili d’ avorio infilati nelle narici. Nel luna park della chiacchiera le categorie deboli (categorie appunto) sono al centro delle balle elettorali ma poi, grattando appena con l’ unghia la società (in) civile, si scoprono maestrine di gender intente a malmenare bambini come fossero punch-ball, infermieri e badanti a malmenare vecchi  indifesi e, dulcis in fundo, governi (anzi governicchi) che incentivano l’ eutanasia pensando di riscattare con essa la solitudine a cui il malato e la sua famiglia sono condannati dalla infernale macchina della burocrazia politicamente corretta. Il piccolo Alfie sarebbe stato “amorevolmente” sottratto a dolore e sofferenza da un giudice che ne ha decretato la morte per abbandono terapeutico. Il teorema che postulano questo “genio” in toga ed il codazzo dei fautori dell’ eutanasia è, in sintesi, che una volta conclamatasi una malattia grave e rara si debba alzare le mani e risparmiare i soldi dei contribuenti, magari per impiegarli proficuamente in aumenti salariali a beneficio di tutta la Nomenklatura. No all’ accanimento terapeutico dunque. Ma la ricerca scientifica  cosa è se non accanimento conoscitivo e quindi terapeutico, in chiave futura?  Per quale motivo allora si spendono miliardi di euro per stipendiare pletore di ricercatori che sconfiggano le malattie rare se poi il malato, che detto con tutto rispetto può essere esso stesso strumento di studio e di ricerca, viene soppresso per abbandono terapeutico? Dobbiamo fare donazioni, sentirci in colpa mentre mangiamo solo per non essere malati e donare un X per mille e basta.  A questi stregoni serve soltanto questo. A noi e alla Civiltà serve che questi stregoni scompaiano quanto prima.

DELITTI ITALIANI.

Ancora sangue sulla famiglia, ancora due padri, uno assassino reo confesso e l’ altro “in pectore”, fanno scempio del dono più bello che l’ essere umano possa ricevere: la famiglia. Sono due casi diversi ma collegati dal filo rosso di una responsabilità e di un ruolo genitoriale traditi in nome della ricerca maniacale, e al contempo superficiale, infantile ed idiota, di sensazioni e scenari extraconiugali. Tutti i media riportano pareri medici più o meno consapevoli che parlano di personalità dissociate, di dottor Jekyll e mister Hyde condominiali, e rilanciano, con domande perfino stucchevoli,  il paradosso delle persone “normali e gentili” che improvvisamente si rivelano mostri. Ritengo che cercare la spiegazione a tali fatti esclusivamente in termini psicoanalitici sia esercizio inutile quanto fuorviante, e siccome ogni fatto è figlio dei tenpi in cui accade è verso i nostri costumi sociali che bisogna puntare il dito se non si vuol fare della stupida,  anche se politicamente corretta, accademia.  Visto che il campo di battaglia  di questa guerra ormai quotidiana è la famiglia cerchiamo di capire dove sono le falle che imbarcano acqua e fanno affondare la cellula primordiale della società umana. Non è un caso che ideologie politiche, anche di apparente segno contrario, abbiano concentrato su di essa il massimo sforzo propagandistico per piegare interi popoli al loro potere. Conquistare la famiglia vuol dire conquistare il mondo e per riuscirci è inevitabile (per queste ideologie) distruggerla, raderla al suolo per edificare in sua vece caricature sociali “aperte” e prive di orizzonti morali quali le comuni, le famiglie allargate, le non famiglie. Oggi ci troviamo a metà del guado e mentre si delegittima a tutti i livelli il focolare domestico, e la stessa pubblicità commerciale, pastore mediatico di incredibile potere di persuasione sia occulta che diretta, non presenta più genitori e figli ma anonimi separati con anonima prole, quel che resta della famiglia cade in pezzi: le separazioni si centuplicano, i matrimoni diminuiscono e prolificano unioni basate sulla negazione preventiva dell’ unione stessa. Questo sisma planetario sta distruggendo una delle pietre angolari su cui si basa la società: la responsabilità individuale, e al suo posto innalza il totem della irresponsabilità collettiva, del non essere, del non dovere. Una persona di 30 anni come quel padre marito killer è una persona adulta che da oltre 12 anni vota e risponde dei suoi atti, eppure la dinamica infantile della strage dimostra un deprimente livello di inconsapevolezza, tipico peraltro di queste generazioni cresciute nel benessere dell’ era del dio bambino al quale nulla si nega e tutto si deve. Questo idiota maschietto si è affacciato alla finestra che dà sulla irresponsabilità predicata, ha respirato l’ aria tossica del “tutto è consentito” e senza pensarci su (letteralmente) ha gettato di sotto il giocattolo che non lo interessava più e che anzi pare fosse di ostacolo per nuovi e più stuzzicanti giocattoli. La famiglia usa e getta, i figli “adorati” e contesi se fa comodo, le mogli (e i mariti) che invecchiano, che “stancano” e demotivano a vivere ancora insieme, questo è il risultato di decenni di assedio alla Famiglia, alla cellula di ogni società civile. La famiglia intesa come un club di vacanze estive che dopo poche stagioni perde il fascino della novità e se non può essere allargata la si distrugge. Una persona ultra quarantenne, padre e marito, che si presume abbia superato le incertezze adolescenziali, i dubbi su cosa fare da grande (?) eppure questo “onesto e perbene” sembra abbia ucciso nel modo più orrendo (ma ne esiste uno non orrendo?) una bambina (Yara Gambirasio) per il solo gusto di estemporaneo possesso, denotando un mancato sviluppo di individuo totale nonostante l’ alzarsi ogni mattina per recarsi al lavoro. Quel che appare in tutta la sua desolante mostruosità è una mancata crescita degli individui per cui sembra non esserci più passaggio degli anni a favore di un eterno  “tempo delle mele”, della idiozia giovanile. Tutto ciò produce vecchi pensionati di ogni ceto economico che pagano bambine prostitute, insegnanti che ricattano e violentano studentesse, padri insospettabili che si baloccano con povere “Lolite”,  sacerdoti e porporati che allungano le “sante” mani su ragazzi, donne e transessuali, politicanti, che per non farsi mancare nulla, rubano tutto il rubabile. Siamo nell’ epoca del diritto che ha fagocitato il dovere, siamo viziati come figli unici, incontentabili come vecchie zitelle, imbecilli come lobotomizzati, ci mangiamo il mondo senza neppure sentirne il sapore, siamo marionette che saltano compulsivamente da un teatrino all’ altro. L’uomo “liberato” dal dovere  è un uomo fallito e questi delitti lo certificano. Urge una nuova Arca morale ed un più grande diluvio universale.

EUTANASIA PUBBLICA.

La vergognosa vicenda che ha visto vittima della feroce spettacolarizzazione della morte la sventurata e dolce giraffa Marius ha scosso le (purtroppo) poche coscienze non di soli animalisti ma di tutti coloro che ritengono la vita un valore non negoziabile in assoluto, sia che appartenga ad un animale che ad una persona. E invece nella “civile” Danimarca  (che come tutte le Nazioni in cui resiste la monarchia, definisce con essa tutta la sua “civiltà”) si è svolto il rito tribale del sacrificio agli squallidi dei del politically correct alla presenza di scolaresche e di una autentica orgia mediatica. Gli stregoni non avevano maschere mostruose ed amuleti ma camici accademici e convinte idiote teorie genetiche prese a pretesto per consumare un delitto di inaudita crudeltà e inutilità. Hanno violato i diritti di una creatura indifesa, che altri volevano salvare, restando ideologicamente ed ottusamente sordi ad ogni richiamo di civiltà hanno voluto uccidere e fare a pezzi una innocente giraffa la cui colpa è stata quella di nascere non nella selvaggia savana africana ma nella più ancora selvaggia savana del miserabile mondo civile. E come per dare un senso “ecologico” a questo criminale gesto,  in perfetto stile Menghèle, questi mostri “civili” ne hanno elargito le parti ai felini dello zoo in una sorta di grottesca e blasfema distribuzione di “pani e di pesci” nel più ipocrita ossequio della catena alimentare naturale. Lavarsi la coscienza riaffermando, davanti a telecamere e agli occhi inconsapevolmente indifferenti di scolaresche già “normalizzate”, la destinazione alimentare degli erbivori in una sorta di delirante “nulla è stato sprecato”, è tipico del bipede irresponsabile il quale arriva a giustificare qualunque sua nefandezza attraverso ragioni di Stato, interessi superiori e valori inalienabili. Il folle figlio di Adamo giustifica le guerre in nome della pace, l’ eutanasia in nome della vita e l’ aborto in nome della libertà di essere spregevolmente un eterno bamboccione. La kermesse doveva essere pubblica e planetaria affinchè, come amano dire i peggiori pazzi dittatori, punendo una creatura indifesa si educhino milioni di lobotomizzandi alla religione della morte. Il gusto che essa fosse data su un palcoscenico allestito in una pretesa “democrazia avanzata” è, per i nuovi Menghèle, superiore a tutto e il loro divertimento è dato ancor  di più dalla presenza di una platea passiva, di una massa  di spettatori informe ed incapace di reagire ed impedire questo singolo olocausto. L’ abitudine, anzi l’ allenamento quotidiano alla morte richiede sedute pubbliche di eutanasia violenta, come quella altrettanto spregevole rappresentazione di umanità collettiva che è la corrida. La morte adorata ed esaltata in riti collettivi, la ferocia esternata in un’ orgia di violenza, ci dicono che la casa principale del bipede primitivo è ancora la caverna e che le nazioni moderne sono seconde residenze frequentate saltuariamente. Se l’ homo è diventato eretto attraverso millenni di evoluzione fisica è indubbio che abbia probabilità vicinissime allo zero di divenire retto nella mente e nel pensiero.  Fin quando non capirà di essere un nulla  fatto di carne e viscere se non rispetta la sua anima e quella di tutte le crature animali, resterà un’ espressione biologica insignificante e nomade in un universo che senza di lui sarebbe perfetto. Vergognarsi di appartenere a questo tipo di espressione biologica non basta, bisogna reagire disertando le corride, rifiutando le dottrine della pretesa superiorità umana sul resto della natura, respingere la violenza, a partire da quella che ognuno di noi pratica giorno per giorno nelle proprie relazioni sociali. Se non si fa questo si arriverà al punto  che dopo un uccisione non si dica più “tanto era solo un animale” ma, con leggerezza tutta pacifista e democratica, si dirà “tanto era solo una persona”. Marius resterà per sempre nei cuori che amano e che pulsano mentre rimarrà incompreso da quelli fatti con la pietra dell’ ignoranza.

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150