Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

Disintegrati mentali

“BUU”: BUFALA RAZZISTA.

L’ appiccicosa vernice buonista e politicamente corretta, oltre che idiota, dell’ anti razzismo di facciata sta colando sulle strutture dello sport e del calcio in particolare. Il “nuovo” dogma del “siamo tutti uguali” il cui copywriter, risalente ad oltre 2000 anni fa,  è del Cristianesimo e non del pensiero unico di sinistra (giova ribadirlo a beneficio delle labili e furbesche memorie “storiche”) , viene propinato come una “lavanda” cerebrale e travolge usi e costumi che con il razzismo non hanno nulla ache vedere. E’ di estrema attualità l’ ultima impennata buonista, che ha visto protagonista un calciatore del Pescara (campionato di Serie A) e il pubblico presente allo stadio di Cagliari.  Dagli spalti si sarebbero levati i famosi ed “esecrabilissimi” “buu” così detti razzisti  all’ indirizzo (dicono) del medesimo calciatore, a causa (dicono) del colore non proprio bianco della sua pelle. Il sillogismo politicamente corretto e idiota è immediato e senza tema di errore. A nessuna delle vestali vergini e pure viene il dubbio che quei segnali acustici possano collegarsi al tifo, tanto più che anche nella squadra cagliaritana militano giocatori negri o neri che dir si voglia. La follia assoluta è data dal fatto che quando il bersaglio dei medesimi “buu” è un calciatore non negro o nero che dir si voglia, (vedi il caso, fra i tantissimi, di Higuain oggetto di buu e fischi per l’ intero incontro Napoli-Juventus) cade automaticamente la loro valenza razzista. Ma siamo allo stadio accidenti all’ ipocrisia buonista! Ai bei tempi, quando il  cancro del politicamente corretto non si era ancora menifestato, gli sfottò, le parolacce, le corna e tutto il campionario da gradinata e curva erano il sale del tifo, il condimento piccante delle domeniche pallonare. Ora, con l’ imperante pensiero unico (ed eunuco) buonista si sono inventati perfino il “razzismo territoriale” per punire gli sfottò tra nordici (polentoni) e meridionali (terroni) cioè il peggio che una mente malata terminale di politically correct possa ideare!  Nell’ Italia delle contrade, dei Comuni e delle rivalità campanilistiche storiche, questi idioti “pensatori corretti” inventano il razzismo territoriale. Immaginiamo cosa accadrebbe se le rivalità fra le contrade senesi (che dividono famigli, palazzi e rioni) venissero regolate dal buonismo dell’ anti razzismo territoriale: si leverebbe alto un sacrosanto VAFFA (altro che buu) fino a frantumare i vetri del miserabile tempio buonista.

DA “BELLA CIAO” A CIAO BELLA.

L’ evoluzione, anzi il cambiamento poichè in casi come questo mai essa si realizza, della sinistra è tutta qui, schiacciata sotto questa misera micro filastrocca. Il cancro politico mondiale (il comunismo) di cui la sinistra è sinistra culla e bara, ha distrutto i capisaldi della società civile sulle note di “bella ciao” dal dopoguerra a questi giorni catturando il consenso di popolazioni assetate di protagonismo sociale. Il morbo ha illuso intere generazioni di “pesci rossi” convincendole che la distruzione del matrimonio, della famiglia,  della responsabilità procreativa e del primato individuale, le avrebbe “liberate” dalla “gabbia borghese” dei doveri spalancamdo loro le porte del paradiso terrestre dei diritti senza se e senza ma. Il morbo ha così costruito i totem del sesso ignorante e irresponsabile (con l’ aborto riparatore), del matrimonio multiplo e della famiglia allargata, cioè della non famiglia. Compagno e compagna hanno preso il posto di marito e moglie, genitore 1 e genitore 2 invece di padre e madre. Tutti insieme indistintamente sul carrozzone del buonismo politicamente corretto e demente fino a quando la sinistra non si è ritrovata in mano il rovescio di questa medaglia-patacca: le sue mandrie si erano, nel frattempo, imborghesite, avevano costruito piccoli patrimoni familiari grazie al lievitare del debito pubblico e non se la sentivano più di obbedire ai capibastone rossi, anche loro ormai con villa e vasca di balneazione o tenuta vinicola. I compagni avevano dismesso il colbacco e la casa del popolo era rimasta senza popolino militante. Cosa fare allora? Semplice, anche per un comunista: mettere in scena un remake del dopoguerra cambiando gli interpreti nel ruolo di masse affamate. Ecco allora esplodere, a beneficio delle attività collaterali “umanitarie” sindacalizzate, la bolla dell’ accoglienza indiscriminata, anzi incoraggiata alla stregua di una attività di import su larga scala. E siamo così giunti al “ciao bella”, la parola d’ ordine per i nuovi “iscrivendi” nelle liste della sinistra. Te li ritrovi fuori da ogni negozio ad apostrofare donne di tutte le età come fossero loro sorelle (politicamente compagne) con questo “ciao bella” che se profferito da un imprenditore all’ indirizzo della segretaria farebbe scattare indignate manifestazioni sindacali di streghe e femministe doc. Ma se lo dice l’ immigrato clandestino, magari anche allungando le mani per rafforzare la richiesta di obolo, non c’è strega di “se non ora quando” che osi parlare. Donne di età avanzata, perciò ancor  più meritevoli di rispetto, devono sopportare di essere apostrofate con quel “ciao bella” corredato di espressione ebete, insegnato agli invasori dai sindacalizzati buonisti dell’ accoglienza con profitto scandaloso. Il “tu” comunista, irrispettoso di eta, autorità e livello professionale, oggi si è trasformato in “ciao bella”, la nuova pialla lessicale livellatrice in basso di ogni legittima differenza sociale. Il residuo popolino militante della sinistra (zoccolo duro di comprendonio)  ben si è adeguato al nuovo, ennesimo, diktat del partito sentendosi, finalmente per una volta nella vita, così ricco da poter fare l’ elemosina a qualcuno che, finalmente, sta peggio di lui. A nessuno che abbia minime tracce di civiltà impresse nel dna verrebbe in mente di apostrofare una donna anziana o no con quel “ciao bella” volgare e maschilista. Ma all’ immigrato clandestino, futuro prossimo elettore di sinistra, è consentito e consigliato alla faccia educazione, cultura e civiltà. L’ intestino con le gambe chiamato comunismo non si ferma mai.

UN PO’ DI ITALIA S’E’ DESTA.

L’ invasione barbarica ha prodotto ciò che non occorreva essere veggenti da prevedere: la guerra civile combattuta cortile per cortile nella più miserabile assenza dello Stato di Diritto voluta da un Governo di avventurieri politicanti. Mentre le strade cominciavano a bruciare e il caos sociale montava, il capocomico organizzava comparsate in ogni dove declamando cretinerie sull’ aumento del Pil e sulla  ripresa economica, come in un tragico remake dei filmetti di partito sovietici girati in difesa dei fallimentari piani quinquennali comunisti.  A questo tizio non fregava niente se gli italiani oltre a perdere la casa, divorata dal fisco rosso, hanno cominciato a perdere anche il loro territorio, il loro Paese ricevuto in eredità dagli eroi risorgimentali.  A questo micro politicante interessava solo vincere il referendum Costituzionale ed avere mano libera grazie alla sotanziale soppressione del Senato  che sarebbe diventato uno stipendificio per nominati non eletti dalla gente. Per questo micro politicante togliere il diritto di voto agli italiani rappresentava una riforma epocale. Non per nulla un suo reggistrascico di partito ha definito il suffragio universale un problema all’ indomani della schiacciante vittoria di Trump voluta dalla stragrande maggioranza del popolo americano. Questo micro politicante è degno allievo di quel comunista “salito” al Colle dopo aver esaltato l’ invasione sovietica dell’ Ungheria ed aver poi vanificato il responso elettorale di due elezioni politiche italiane favorendo il formarsi di governi golpisti e fantocci. Questo micro politicante ha calpestato palcoscenici, volando a spese di tutti,  per fare l’ attaccamanifesti  della lobby del “Si” mentre nelle vie d’ Italia non si può più girare senza rischiare aggressioni da parte di clandestini super protetti e super coccolati a scopo di lucro cooperativo e clericale. Costui e l’ Italia sono sempre stati su due piani distinti e distanti. Costui si specchiava nella sua incapacità, inferiore solo alla sua presunzione, mentre l’ Italia di Cavour, di Garibaldi,  del sangue italiano risorgimentale, veniva ogni giorno di più divorata da fanatismo religioso e da cannibalismo etnico. Ma un pò d’ Italia s’è desta. Finalmente è cominciata la Resitenza all’ invasore raccomandato dai buonisti piegati a 90 gradi. Finalmente gli attributi dell’ italianità si sono stancati di essere percossi dal politicamnte corretto, e le marionette alfaniane vengono apostrofate pubblicamente come meritano. Questa parte d’ Italia che s’è desta è stata portatrice sana di quei milioni di “No” urlati in faccia al micro polticante e alle sue personali e pericolosissime ambizioni di potere. Con questi milioni di “No” abbiamo cacciato il dilettante privo delle basilari nozioni di cultura ed economia e ora con altrettanti milioni di “No” dobbiamo arrivare alla cacciata dell’ invasore e dei suoi collaborazionisti traditori.  Forza Italia!

CRETINI DI SUCCESSO.

Ho un’ avversione totale verso questa diffusissima sottospecie della razza umana. L’ ho maturata già fra i banchi della mia classe mista alle elementari fra i quali svolazzava il classico beota raccomandatello che faceva strage degli encomi a pagamento elargiti dalla maestra e dei cuori di quelle ninfette che, già in tenera età, avevano ben chiaro cosa fosse un buon partito idiota. Da allora ne ho incontrati a schiere e ne ho visti salire la scala sociale grazie alle doti innate di incapcità, scarsa intelligenza e aspetto fisico mediamente rivoltante. Per loro, per i cretini di successo, pare sia stato ribaltato l’ ordine naturale delle cose e grazie alla duttilità di coscienza, alla bavosa versatilità e alla mancanza assoluta di scrupoli, li si vede piazzati ai vertici politi e istituzionali come a quelli del giornalismo e dello spettacolo. Sono i cretini di successo, poco più che alfabetizzati, a condurre la danza pur privi come sono di ogni nozione “musicale e coreografica” di base.  La politica rappresenta il palcoscenico ideale per questi giullari disposti a tutto pur di fare facili guadagni e pur di soddisfare la loro sete di potere. Giurano e spergiurano con la naturalezza con cui (purtroppo) respirano. Sono inclini al tradimento ideologico, all’ opportunismo carrieristico e si passa dall’ essere loro nemici ad essere loro amici, e viceversa, in un batter di ciglia. Sono dotati di un fiuto particolare per il loro tornaconto e, flessibili come vermi, riescono ad introdursi in ogni pertugio così come ad uscirne. In “arte” si chiamano assessori, consiglieri, deputati, senatori, presidenti, ministri e primi ministri. Li si riconosce sempre dal loro aspetto grigio e vecchio anche a trent’ anni, odorano di ignoranza tutti alla stessa maniera, pontificano sul nulla che possiedono in abbondanza, al pari di pance prominenti, pelle flaccida e colli taurini. Si usa dire “faccia da prete” per descrivere un certo tipo ma si potrebbe dire anche “faccia da politicante” ed essere ancora più precisi ed incisivi di un bisturi. Il fenomeno è trasversale, direi super partes, ed accomuna peppono bolscevichi, sepolcri imbiancati moderati, podestà camerati e masanielli d’ assalto (al denaro pubblico) dell’ ultim’ ora, tutti nella stessa cesta dei panni sporchi ribelli ad ogni sorta di bucato. Il mondo è nelle loro mani e in tal senso la globalizzazione è sempre esistita già da secoli prima ancora che se ne coniasse il termine. Se la felicità è dei pazzi la celebrità è dei cretini di successo, i soli che possano garantire che il mondo non cambi mai, che regnino sempre ignoranza, guerre, fame e povertà. Esistono (purtroppo) per questo e sono imbattibili qualunque sia la loro razza o credo religioso: metastrasi trasversali non estirpabili.

THANK YOU PERFIDA ALBIONE.

L’ uscita dalla UE (Unione Ebete) è il primo atto di coraggio e di autentica autodeterminazione che si registra dopo un interminabile periodo di dominio assoluto da parte del miserabile euro politically correct. THANK YOU, ora non più perfida Albione. THANK YOU per aver scagliato la prima pietra contro la fabbrica dello spreco, dello sperpero di soldi comunitari, contro le flaccide facce dei burocrati negatori della sovranità nazionale dei singoli Stati in favore di una tirannide di incapaci, di teste vuote, di traditori della cultura occidentale. La superiore cultura anglosassone aveva già fiutato le torbide finalità del sinistro asse Berlino-Parigi rimanendo opportunamente fuori dal calderone infernale dell’ Euro, di quella moneta unica bastarda priva di una “madre” banca emittente e di un “padre” avente sembianze di autentico e serio trattato politico monetario. La miserabile ammucchiata dell’ euro aveva l’ unica finalità di favorire quello che da anni ho definito il quarto reich, ad opera della Kulona teutonica comodamente seduta sulla poltrona francese e con i piedi voluttosamente adagiati sul tappetino italiano. Londra l’ aveva capito e si era tenuta opportunamente fuori dal gorgo monetario. Oggi, a distanza di tempo ormai idonea a far comprendere anche ai sassi che l’ UE, Unione Ebete, non ha futuro se non in una guerra contro l’ Oriente islamico, ha deciso di staccare la spina e tagliare il cordone ombelicale attorcigliato alla gola dei restanti Paesi membri,  franco-tedeschi ovviamente esclusi.  Nessun matrimonio nella civiltà occidentale prevede la negazione etnica, economica, culturale e religiosa da parte dei contraenti. Nessuna Unione può esistere se viene edificata sulle macerie degli Stati membri più deboli. Nessuna Unione è possibile, a meno che non sia ebete, se le sue priorità sono la doppia e costosissima sede parlamentare oppure la definizione del diametro dei piselli comunitari o la curvatura delle banane di tragica mortadelliana memoria. Albione l’ ha capito ed ha sbattuto la porta in faccia ai pagliacci burocrati capaci di demolire un popolo ed una Nazione già gloriosa e ricca di cultura (Grecia) quando  loro ancora non avevano elaborato un linguaggio diverso dai rumori gutturali della tribù, per “risanare” la sua economia distrutta dalla impossibile convivenza fra ex dracma ed euro. Paesi già poveri scaraventati nell’ abisso di una recessione avente prospettiva trentennale solo per immaginare una impossibile frequentazione del club dei così detti grandi (miserabili) Francia e IV Reich. THANK YOU Albione per averci regalato la squallida faccia adirata di quel tale Juncker,  adeguato simbolo della “burocratirannide”, che minaccia ritorsioni, un “ve la faremo pagare cara” che la dicono lunga sul dispetto fatto alla fabbrica delle inutilità e dei mega stipendi riservati alla scandalosa pletora di galoppini “comunitari”. Anche la grancassa suonata dai media compiacenti che sbatte il pentito del “bye bye UE” su tutti i canali cercando di rappresentare l’ esito del voto solo come frutto di schegge impazzite o di una insensata protesta, dimostra la paura del politically correct. Questo è stato colpito a morte e sfodera le armi più violente miste alla schiuma rossa che gli esce dalla fetida cloaca per dissuadere altri Paesi coraggiosi dal compiere il grande passo. Esso è terrorizzato dalla paura di perdere le galline dallo… spread d’ oro, è terrorizzato dalla fine della schiavitù monetaria e politico-culturale. Sa che se perde qualche altro vassallo il suo feudo crollerà e allora addio sogni di grandeur o di IV Reich covati da quelle raccappriccianti  mezze figure  che si sono poste alla guida di popoli storicamente avvezzi a subire dittature, con la stessa spocchia di Napoleone, Hitler e Mussolini. La non più perfida ma sempre intelligente Albione ha reciso le catene e c’è da scommettere che nel volgere di un biennio tornerà ad essere anni luce avanti, sia economicamente che come identità nazionale, rispetto al plotone di incasellati comunitari comandato da due feldmarescialli e un caporale. Thank you Albione,

L’ ITALIA HA IL CANCRO.

Sta male, molto male questo povero Paesello mai capace di superare gli esami di ammissione alla civiltà politica e sociale, indispensabili per diventare uno Stato. Le contingenze militari dell’ 800 ne hanno casualmente fatto un Regno rattoppato e con i buchi nelle suole dello Stivale. Senza sapere come e perché i nostri nonni e i loro padri si ritrovarono appiccicata in fronte l’ etichetta di italiani all’ ombra di un Tricolore che doveva coagulare una realtà frantumata in bianco e nero. Mentre Nazioni come l’ Inghilterra festeggiavano quasi 200 anni di democrazia dalla caduta di Cromwell il povero Stivale muoveva i primi passi nel franoso terreno della autodeterminazione. Ci siamo iscritti all’ Università senza aver mai conseguito uno straccio di diploma. Ci siamo illusi di poter fare la guerra al mondo e siamo riusciti solo a provocare miserabili carneficine, buone solo per alimentare una industria cinematografica già asservita al presunto vincitore.  Quell’ equivoco di base  presenta oggi il salatissimo conto in termini sociali e politici. Nulla è bastato. Nulla è servito per far crescere una coscienza nazionale, uno spirito di appartenenza, un senso della Patria e dell’ individuo libero che, insieme, rappresentano le fondamenta di una Nazione. Abbiamo vissuto i decenni successivi alla seconda guerra mondiale dividendoci in bianchi e rossi dopo essere stati, gli uni e gli altri, nella quasi totalità fanaticamente neri. Abbiamo sempre guardato con invidia e complesso di inferiorità verso l’ estero e verso tutti quei “paradisi” nei quali essere servi, minatori, muratori e contadini, sembrava valere molto di più che esserlo in Italia. Siamo stati “venduti” nelle miniere belghe e tedesche, abbiamo fatto i camerieri ai signori svizzeri, ci siamo conquistati la nomea di accattoni e siamo diventati i poveri d’ Europa. Tutto abbiamo fatto fuorché costruire l’ Italia e gli italiani. Ed oggi, in piena globalizzazione, di fronte alla quale per sopravvivere è necessario essere Stato e Nazione, continuiamo a comportarci da idioti contradaioli medievali contrapposti e a fare il gioco, sporco, dei parassiti politicanti sempre pronti a svendere l’ integrità nazionale come fece Cavour con Nizza e la Savoia.  Oggi in svendita  c’è l’ Italia intera con quel suo popolo socialmente e politicamente analfabeta. Come spiegare altrimenti la sua passività davanti all’ invasione etnica che sta subendo per colpa di una “nomenklatura” composta da miserabili politicanti, da gran parte dell’ apparato giudiziario, dalla lobby clericale e dai mezzi di comunicazione di massa. E’ proprio perché siamo ancora massa e non Nazione che lo scempio della deitalianizzazione è reso possibile. Siamo noi tutti che, con viltà personale e collettiva, non ci opponiamo ad uno Stato vampiro che sta espropriandoci della casa, del denaro, della dignità e della italianità. Ancora oggi la maggior parte degli elettori italiani non ha la più pallida idea di cosa fare nel segreto della cabina elettorale e appone la croce in base a rancori, pregiudizi, ignoranza, convenienza e lavaggio di cervello. Come si può votare, avendo un quoziente di intelligenza appena sopra la decenza, per quei giullari che pensano di sanare l’ economia di uno Stato, da loro stessi in precedenza saccheggiata, attraverso la rapina e l’ estorsione fiscale?  Come si può parlare di Stato democratico quando uno zingaro ti può rubare la casa solo perché sei andato per qualche giorno in ospedale? Come si può parlare di Stato democratico quando dallo stesso si è obbligati a pagare l’Iva sulle accise che sono  esse una tassa? Italiani!  Contradaioli medievali, l’ Italia ha il cancro della politica, della burocrazia e dell’ ignoranza e non c’è all’ orizzonte un medico capace e intenzionato a curarla.

LE FOLLIE CARNEVALESCHE.

Carnevale è andato. Interi Continenti si sono concessi una vacanza mentale, una fuga dalla realtà e un bagno di illusione in un mondo di fantasie. Poi è tornata la Quaresima a ripristinare l’ ordine mentale e maschere e costumi sono stati riposti nei bauli. Purtroppo questo non succederà per le follie carnevalesche che stanno contagiando e disintegrando una umanità disperata, rimbambita da droga, alcool e benessere, impegnata nella miserabile istituzionalizzazione di nuovi modelli sociali basati sulla disgregazione della Famiglia naturale. Questo tragico carnevale, che vede sfilare al posto di maschere tradizionali penose caricature, maschi mancati che vogliono chiamarsi mogli, donne indefinite che diventano mariti, figli della provetta precipitati nel girone dei folli, rischia di non conoscere Quaresima, di non essere una vacanza dalla realtà ma un vero e proprio ergastolo per gli innocenti bambini che, il feroce e aberrante, politicamente corretto definisce figli e per una società che si avvia alla morte spirituale e culturale. La sinistra italiana, eternamente orfana di cultura e senso di responsabilità civile, dopo aver saccheggiato la sacralità della Famiglia si è impegnata nella rincorsa al carnevale domestico progettando e costruendo le caricature della negazione naturale. La parola d’ ordine è “diritti”. Quelli di chi, affetto da tare psichiche e anomalie dell’ apparato endocrino, si illude di diventare normale travestendosi da “coppia” e pretendendo di “avere” figli con la complicità della politica corrotta, della scienza medica e dell’ immoralità che, insieme, condannano innocenti creature al ruolo di suppellettili, di giocattoli, nel girone infernale di un rapporto omosessuale camuffato da “famiglia”. Pulcinella e Arlecchino lasciano la ribalta alla femmina marito e al maschio moglie, autentiche maschere dell’ orrore antropologico. Il “nuovo mondo” della sinistra è tutto qui. Intere settimane di attività parlamentare sprecate nella “costruzione” del nuovo ordine innaturale mentre l’ Italia è una casa che brucia divorata dalle invasioni etniche,  dalla crisi economica, e dalla incapacità criminale di una corporazione politica modello Corea del Nord. Torna alla mente, dalle pagine dei Promessi Sposi, la desolata e schifata denuncia Manzoniana del banchetto dei “potenti”, al quale non poteva mancare la nomenclatura ecclesiastica, durante il quale si dibatteva intorno alla punibilità del messaggero di guerra, l’ odierno “matrimonio omosessuale”, mentre fuori la carestia, l’ odierna invasione barbarica, distruggeva la società civile. Sono sempre loro, gli Azzeccagarbugli, i Don Abbondio, i Don Rodrigo con codazzo di Bravi, a dirigere l’ assordante rumore del conflitto sociale, a dividere per dominare, a distruggere per non costruire. Il più triste carnevale è iniziato. Il genere umano si fa talpa e scava sentieri nel sottosuolo culturale in nome di un nazismo biologico che ha bisogno di imbecilli, di indefiniti, di corrotti, di pedofili, di omosessuali, di terroristi, di autobomba, di lapidatori, di sopraffattori, per trionfare. Nella rabbiosa consapevolezza di essere incapace di costruire il Paradiso questo miserabile genere umano si accinge a completare la costruzione dell’ Inferno.

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150