Anima al 99%

PAPA … BIOLOGICO.

Qualcuno si era illuso che la misura delle esternazioni papali fosse colma ma, purtroppo, non è così e l’ ultima, in ordine di tempo, sul così detto accanimento terapeutico ne è la dimostrazione. E’ di ieri l’ intervento “dottrinale” in materia di cure sanitarie e limiti delle stesse secondo l’ ottica di questo Papa che, come mai nessun altro prima, sta provocando uno storico allontanamento della gente dalla Chiesa cattolica.  Dunque, secondo il “compagno” Bergoglio, ci si deve astenere dalle pratiche terapeutiche che superano il limite di proporzionalità con  i vantaggi da esse ottenuti.   Siamo alla pazzia pura! Siamo nel caos discrezionale che ogni medico, infermiere e portantino potranno liberamente  cavalcare decidendo in base al loro personale giudizio di proporzionalità. Le platee dell’ eutanasia non aspettavano altro che questo intorbidimento dottrinale delle già agitate acque per pescare con la rete della demagogia atea. Bravo Bergoglio! E’ drammatico constatare che un Papa non sia consapevole del fatto che una volta intaccato un Princìpio si libera il più terrificante relativismo. Se la vita è sacra, inviolabile e non negoziabile per il princìpio fondante la civiltà non si può affermare, con esternazioni da bar dello sport, che però esiste un limite a ciò. E’ da idioti e da irresponsabili disarmare il Princìpio e armare la mano di tanti Menghele i quali, posti nella possibilità di decidere della vita di altri, possano decretarne la fine sia per motivi economici, politici o di semplice esercizio del potere.  “Tanto ormai è vecchio” o “tanto ormai è inguaribile” saranno le parole d’ ordine per i troppi discepoli di Ippocrate, già privi di cognizioni spirituali, di umanità e carità cristiana, che vengono abortiti (non partoriti) da una “skuola” materialista, atea e di sinistra. Questo papa “biologico” simpatizzante di Castro e del mondo islamico, si è preso la responsabilità di sciogliere le mani ai Robespierre in camice bianco.  Questo Papa, che ha alleggerito il peso religioso delle devianze sessuali quasi sdoganado l’ omosessualità e con ciò bestemmiando contro la Creazione Divina della donna e dell’ uomo, quali fonti uniche e complementari della famiglia, oggi si arroga il diritto ecumenico di cancellare il limite etico oltre il quale si diventa assassini. La vaghezza di questa sortita, malata di protagonismo, è il punto più basso sia teologicamente che di mera applicabilità. Come si può arginare una volontà assassina (insita nel genere umano) con il fumoso concetto di proporzionalità?  Forse sostituendo lo stetoscopio con al calcolatrice? Invece di formare religiosamente al rispetto della vita senza limiti ed aiutare il malato a vedere nel suo male una prova di riscatto chiesta da un Dio, solo apparentemente crudele, questo Papa, ormai in confusione teologica, stabilisce un “limirte proporzionale” alla “sopportazione” del volere “incomprensibile” Divino. Quanto sta accadendo nella Chiesa fra pedofilia, omosessualità dilagante, figli illegittimi disseminati come benedizioni urbi et orbi, trova in questo Papa la sua icona materialista e secolare, la rappresentazione plastica del primato del corpo sull’ anima e della vita terrena sulla vita dopo la morte. San Pietro ha voluto morire capovolto per ispetto di gesù, questo Papa ha capovolto la frase più grande del figlio di Dio e ogni giorno afferma che “di solo pane vive l’ uomo”. L’ anima può andare a farsi benedire da un’ altra parte.

SOCIOLOGIA DELLA MORTE.

Secondo la “filosofia del teatrino”, ispirata e voluta dal disfattismo sociale, morale e spirituale che è alla base della follia comunista, non c’è civiltà senza eutanasia. Non c’è civiltà senza il diritto, a volte capriccio, alla fuga dalla vita. Analizzando le “grandi idee innovatrici” della sinistra si evince come  esse passino tutte attraverso la formulazione e la esaltazione di disvalori, la negazione della responsabilità morale e spirituale dell’ individuo, che essa concepisce solo come insieme acefalo e massa priva di autonomia intellettiva. La strada esistenziale indicata alle masse politicamente lobotomizzate per raggiungere la “libertà totale” è lastricata di morte, da dare agli altri e a se stessi:  aborto inidscriminato, infedeltà come indice di primato evolutivo, uccisione della sessualità attraverso il trionfo del non sesso, manipolazione infantile a scopo “gender” e infine eutanasia quale estremo gesto di autodistruzione camuffato da diritto di autodeterminazione. Tutto ciò deriva dalla esigenza primaria della sinistra: un popolo, una massa ignorante, spaventata,  moralmente  vile e priva di spiritualità, che si faccia condurre docilmente al guinzaglio ideologico, che non sappia fare i conti con la vita, con il suo significato spirituale, con la sua essenza e le sue finalità. Tutto deve ridursi ad un empio pasto esistenziale fatto di pseudo diritti materiali i cui piatti forti  sono la totale inconsapevolezza e irrilevanza spirituale conditi da totale sudditanza al pensiero unico ideologico di sinistra. Certo, soffrire non piace a nessuno. Specialmente quando si è di fronte a patimenti indicibili causati da malattie progressive e, attualmente, incurabili è facile, quasi naturale, perdere la ragione e farsi portare alla deriva dalle sirene liberatorie dell’ eutanasia.  Le povere anime, i cui corpi sono colpiti dal male, si assottigliano schiacciate dal peso, umanamente insostenibile, di esso. Ed il corpo, già di per sè fragile e caduco, rimasto solo contro il male non vede che la fuga dal dolore e dalla sofferenza come unica via di salvezza. Il suo orizzonte esistenziale coincide con l’ angusto perimetro di una stanza dentro la quale vivere diventa morire troppo lentamente. Il corpo diviene così facile preda del materialismo esistenziale: se non puoi godere, fare e disfare, perchè restare in attesa di morire? Intorno a quei letti di sofferenza si levano alte le nenie dei riti tribali che invocano la morte liberatrice cancellando le tenui voci di chi amorevolmente assiste, purtroppo lasciato solo da un sistema sanitario statale cinico e burocratico, quei corpi martoriati. Vale la pena di soffrire così tanto? Ce lo chiediamo tutti e tutti sembriamo orfani di una risposta adeguata, prigionieri come siamo di uno schema mentale meramente materialistico. E se provassimo a domandarci se ci sia un significato in quelle tremende sofferenze invece di considerarle solo il frutto di una roulette russa biologica fine a se stessa?  Se provassimo ad indagare quella realtà che inizia dove finisce la punta del nostro naso, chi potrebbe escludere che quelle sofferenze  abbiano un significato che, ovviamente, sfugge alla lente di rimpicciolimento materialistica e atea? Se ci ponessimo più spesso la domanda, che solo per il fatto di porcela già ci distinguerebbe dai sassi, quel “perchè nasciamo?” senza farci catturare dalla misera risposta atea “… per mangiare e digerire”, forse quelle atroci sofferenze, quel tremendo decadere fisico, ci potrebbero sembrare spiragli di luce che fendono il buio cosmico che ci avvolge. Non è facile. Tremo al solo pensiero di trovarmi a quel bivio ma mi chiedo: è forse meno insoppoprtabile, dolorosa ed inutile una vita atea trascorsa a digerire senza porsi domande e senza darsi risposte?

AUTOSTOP MEDIATICO.

E’ risaputo come la pubblicità di un qualsiasi prodotto sia fra le fasi più costose  che concorrono a formarlo e, nel caso delle così dette opere di ingegno o fantasia o arte come molto spesso abusivamente si tenta di spacciarle, essa sia l’ unico e vero costo quasi insuperabile per certi avventurieri abituali frequentatori di mostre pretese  artistiche.  Come fare dunque a “sfondare” ed essere visibili almeno per qualche momento? Semplice, si fa l’ autostop che, quale simbolo universale dello scrocco o sbafo, è ormai passato dalle strade alle aule parlamentari, al mondo dello spettacolo e infine a quello della defunta arte. Basta scegliere un Simbolo Universale e denigrarlo, offenderlo, violarlo e piegarlo alle proprie basse necessità di pagnotta quotidiana.  Lo si impone poi sullo squallido palcoscenico dell’ ignoranza  dove non conta la presunta opera d’ arte ma lo scempio attraverso il quale essa diventa visibile. In questo miserabile autostop mediatico la Croce, Gesù Cristo e la Madonna sono i “gadget” più utilizzati in ossequio all’ equazione secondo cui meno vali più forte devi latrare se vuoi che qualcuno si accorga, per pochi momenti,  della tua inutile esistenza. E così non c’è più limite alla malata fantasia dei miserabili cercatori dell’ ultimo oro rimasto sul mercato: lo scoop, sia esso artistico o giornalistico,  sempre comunque  a base di liquame e fango. Che questa sia l’ era del demente, dell’ incapace, dell’ analfabeta, del profondamente brutto, dell’ intimamente rivoltante e del politicamente corretto, lo attestano ormai serie infinite di questi “colpi geniali” autopromozionali. Presunti artisti che sfruttano l’ eco planetaria di un insulto a Gesù si cimentano in ogni sorta di vergognoso autostop mediatico puntualmente appoggiati da quei partiti politici e clan pseudointellettuali che hanno fatto della dissacrazione della Fede in Cristo la loro sfilacciata bandiera, il loro connotato di falsa modernità, la cartina di tornasole della loro ignoranza. Costoro, pseudo artisti e fiancheggiatori, sono quelli che io chiamo dispetti della natura, patetici mix di carne flaccida e ideologia del male, brutti in modo assoluto fisicamente e moralmente. Di essi si percepisce il lezzo anche solo a guardarli in video. Intanto sono di una viltà senza limiti poichè, quali organismi non meglio identificati, si scagliano contro il Dio della bontà,  del perdono, e si guardano bene dal realizzare “opere d’ arte” o scoop sul Dio di religioni che prevedono la morte, tout cour,  per i vili profanatori. Certo deve essere triste per questi miseri autostoppisti guardarsi allo specchio e non vedervi riflesso nulla o almeno qualcosa che non guasti lo stomaco guardare, tuttavia se la loro nullità spiega il ricorso al facile e vigliacco espediente di insultare Gesù per acquisire effimera visibilità, essa non giustifica il doverli sopportare o, che è  peggio,  prestarsi allla diffusione delle basse nefandezze come fanno compiacenti media con il falso alibi del dovere di cronaca. Il dovere di essere moralmente ed esteticamente selettivi è il primo imperativo dei mezzi di comunicazione che altrimenti scadono al livello di semplici rimestatori del liquame di cronaca o di cassa di risonanza della follia, della violenza, dell’ ideologia del male. Se il caso fa notizia e fa vendere giornali è vero anche che promuovere l’ ignoranza a scopi di diffusione e vendita di copie è farsi prestatori d’ opera della viltà, è disconoscere il dovere di crescita dell’ umanità e del suo affrancarsi dal fango in cui appare purtroppo entusiasta di sguazzare. Credenti, o atei che si possa essere, a tutti è fatto obbligo di civiltà nel dissociarsi da questo miserabile autostop mediatico e combatterlo culturalmente ognuno con la propria verità che mai, in nessun caso, può essere scambiata per la gratuita ignoranza e immoralità.