Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

Attualità

CONCORSO ESTERNO AL NULLA.

Marcello Dell’ Utri sta morendo in galera condannato per un reato, nemmeno contemplato nel codice penale, “virtuale”  o meglio inventato da un apparato giudiziario che dà l’ impressione di ubbidire ai diKtat di un ben noto partito politico. Il concorso esterno in attività mafiosa non significa nulla poiché se anche si volesse ipotizzare una collaborazione da “colletti bianchi” essa ricadrebbe sempre e comunque nell’ attività mafiosa punto. Allegare la parola esterno sembra essere l’ escamotage architettato da chi non avendo prove di mafiosità vera, ma volendo annientare un personaggio politico avversario e scomodo, inventa un termine generico (esterno a chi o a che cosa?) per confondere i confini di una azione giudiziaria che devono essere sempre trasparenti. Comunque Marcello Dell’ Utri sta morendo in galera da probabile innocente, mentre assassini come Battisti e tutti i suoi sodali brigatisti rossi, oggi godono di libertà e coperture internazionali. Questi criminali hanno ammazzato padri di famiglia colpevoli di non essere comunisti, di non appartenere alla  elìte rossa e sanguinaria, e sono in libertà, possono addirittura fare i docenti, scrivere libercoli e possono succhiare i privilegi di quella società capitalista che latravano di voler combattere e annientare.  Marcello Dell’ Utri non ha ammazzato nessuno, non ha piazzato bombe e probabilmente non ha mai preso nemmeno una multa stradale. Ha studiato, si è affermato ed è diventato Senatore della Repubblica commettendo però alla fine il delitto dei delitti: si è iscritto a Forza Italia ed è stato fedele al suo fondatore il Presidente Silvio Berlusconi. Ha sostenuto una opposizione civile, parlamentare ed intellettuale al dominio del pensiero unico comunista.  Forse per questi motivi ha avuto comminati sette anni di reclusione e deve scontarli tutti! Non certo come gli stupratori clandestini che uccidono come se sbadigliassero e il giorno dopo godono di libertà. Non certo come gli ergastoli dei criminali rossi che sono restati sulla carta bollata mentre i loro miserabili titolari si godono la bella vita. Vergogna, vergogna, vergogna.

APOLOGIA DEL COMUNISMO.

I recenti rigurgiti comunisti, che hanno portaato alla ribalta un Carneade della politica il quale,  senza l’ onda mediatica dell’ antifascismo di facciata, sarebbe rimasto eternamente tale, sono sfociati in una nuova legge contro “l’ apologia del fascismo”. La Storia ha dimostrato, anche a beneficio dei finti sordi e finti ciechi, che se il fascismo si è macchiato di ignobili crimini culminati nella persecuzione degli ebrei, il comunismo non soltanto non è stato da meno ma ha sterminato decine di milioni di persone più di fascismo e nazismo messi insieme. E questo “piccolo” dettaglio storico sfugge da sempre alle vestali dell’ antifascismo e alle vergini dell’ ANPI che, parimenti, mostra di vedere la Storia con il solo occhio sinistro. Il saluto fascista a mano tesa è fuori legge ma il saluto comunista a pugno chiuso (come gli occhi degli ignoranti) no! Perchè? Sono forse di serie B i morti per mano “democratica” dei discepoli di Marx?  Valgono forse di meno i morti nei gulag sovietici e nei campi di stermino cubani, cinesi, coreani, birmani e nella Germania dell’ est, o nelle foibe carsiche?  Per i salottieri di sinistra, per i pretesi intellettuali rossi, dai quali l’ Italia è infestata, si, sono di serie B, quando addirittura non esistono per decenni come nel caso dei morti nelle foibe. La Storia contemporanea è stata stuprata dalla sinistra antifascista attraverso un’ azione sistematica di negazione e mistificazione che nemmeno il regime fascista sarebbe stato in grado di architettare. Grazie a questa azione capillare l’ ignoranza storica si è infiltrata nelle scuole, nelle menti e nei concetti come un cancro e ha ucciso le cellule pensanti e raso al suolo la verità storica. Di conseguenza milioni di giovani di diverse generazioni hanno ignorato, e tutt’ ora ignorano, i crimini e gli stermini perpetrati su innocenti dai “democratici” del comunismo. La “verità” ufficiale è che c’è stato solo il nazi-fascismo e che il mondo da esso si è salvato grazie al comunismo. Balla epocale! Vergogna mondiale che stuoli di “intellettuali da pianerottolo” hanno avallato ed instillato nella sprovveduta testa di milioni di persone. La “verità” ufficiale è quella comunista secondo la quale il mostro ha un solo nome, Mussolini, e non anche quello di dittatori come Stalin, Lenin, Castro, Mao … . Questi, come gli attuali loro discepoli, sono dipinti come chierichetti innocenti. Basta con le frottole della propaganda rossa! La verità storica ha decretato senza ombra di dubbio che l’ apologia del comunismo è grave quanto quella del fascismo, che queste due ideologie sono state autentici cancri sociali e che al ventennio fascista in Italia è seguito un settantennio comunista che l’ ha ridotta nello stato comatoso che oggi viviamo con disperazione. Certamente se vogliamo salvarci dal baratro la prima cosa da fare è estendere gli effetti della legge sull’ apologia del fascismo al suo dirimpettaio, il comunismo. Dopo tutto sarà più facile.

COME NON ESSERE RAZZISTI?

Stiamo vivendo l’ invasione dell’ Europa e l’ inizio della sua fine economica e culturale e i soliti idioti buonisti della sinistra salottiera continuano a ripetere, peggio di un disco rotto, la nenia del razzismo. Semmai i razzisti sono proprio loro nei confronti di chi osa non sottomettersi alla dittatura del  pensiero unico e, per questo, vieme tacciato di insignificanza culturale e sociale. Nulla invece c’è di più razzista di quell’ espressione schifata dei salottieri snob e pretesi intellettuali, spesso autori di libercoli o giullari capaci solo di smorfie e sputazzi da palcoscenico, ma tutti con carriere facili e redditizie. Di contro nulla c’è di razzista nell’ essere contrari alla violenza invasiva indiscriminata di innumerevoli etnie, alla pratica del saccheggio e degli stupri, all’ utilizzo dei monumenti come latrine, alle stragi di matrice pseudo religiosa e, infine, alla cancellazione dei nostri simboli e princìpi religiosi, morali e politici. Se opporsi a tutto ciò è razzismo ebbene sono razzista come lo sono quei milioni di italiani che non vogliono essere costretti ad indossare veli, a criminalizzare la bellezza del corpo e dei capelli femminili e considerare la donna un giocattolo non pensante al servizio del miserabile maschietto, violento ma intellettualmente impotente. Si è forse razzisti se si difende la propria Patria, la famiglia e la propria religione? Allora, ripeto, sono razzista come, a questo punto sarebbero stati, gli eroi risorgimentali. Già negli anni settanta la sinistra salottiera bollava come “qualunquista” chi non cantava nel suo coro. Secondo l’ accezione negativa di tale termine, che in origine si riferiva al concetto di uomo comune, preconfezionata dalle vestali di Marx il qualunquista, l’ odierno populista, era colui che privo di mezzi intellettivi non poteva comprendere la “grandezza del pensiero unico comunista”. Oggi, con identica spocchia tipica delle vestali di Marx,  snob e ignoranti, si è etichettati razzisti attraverso quella mistificazione della realtà che solo i comunisti buonisti sanno realizzare. Ma come si può non essere contrari, e quindi razzisti secondo il teorema rosso, a chi predica la distruzione dell’ Occidente ed il suo asservimento? Come si può non esserlo verso chi ha una visione della vita malata di ignorante violenza e vuole imporcela? Come si può non esserlo verso chi nega il valore stesso della vita della donna e la vuole analfabeta e schiava?  Come si può non esserlo verso chi odia la musica, le arti, le creature di ogni specie e uccide nei modi più feroci come se bevesse un caffè? La risposta è semplice, basta essere nazisti, comunisti e, di conseguenza, ignoranti.

“BUU”: BUFALA RAZZISTA.

L’ appiccicosa vernice buonista e politicamente corretta, oltre che idiota, dell’ anti razzismo di facciata sta colando sulle strutture dello sport e del calcio in particolare. Il “nuovo” dogma del “siamo tutti uguali” il cui copywriter, risalente ad oltre 2000 anni fa,  è del Cristianesimo e non del pensiero unico di sinistra (giova ribadirlo a beneficio delle labili e furbesche memorie “storiche”) , viene propinato come una “lavanda” cerebrale e travolge usi e costumi che con il razzismo non hanno nulla ache vedere. E’ di estrema attualità l’ ultima impennata buonista, che ha visto protagonista un calciatore del Pescara (campionato di Serie A) e il pubblico presente allo stadio di Cagliari.  Dagli spalti si sarebbero levati i famosi ed “esecrabilissimi” “buu” così detti razzisti  all’ indirizzo (dicono) del medesimo calciatore, a causa (dicono) del colore non proprio bianco della sua pelle. Il sillogismo politicamente corretto e idiota è immediato e senza tema di errore. A nessuna delle vestali vergini e pure viene il dubbio che quei segnali acustici possano collegarsi al tifo, tanto più che anche nella squadra cagliaritana militano giocatori negri o neri che dir si voglia. La follia assoluta è data dal fatto che quando il bersaglio dei medesimi “buu” è un calciatore non negro o nero che dir si voglia, (vedi il caso, fra i tantissimi, di Higuain oggetto di buu e fischi per l’ intero incontro Napoli-Juventus) cade automaticamente la loro valenza razzista. Ma siamo allo stadio accidenti all’ ipocrisia buonista! Ai bei tempi, quando il  cancro del politicamente corretto non si era ancora menifestato, gli sfottò, le parolacce, le corna e tutto il campionario da gradinata e curva erano il sale del tifo, il condimento piccante delle domeniche pallonare. Ora, con l’ imperante pensiero unico (ed eunuco) buonista si sono inventati perfino il “razzismo territoriale” per punire gli sfottò tra nordici (polentoni) e meridionali (terroni) cioè il peggio che una mente malata terminale di politically correct possa ideare!  Nell’ Italia delle contrade, dei Comuni e delle rivalità campanilistiche storiche, questi idioti “pensatori corretti” inventano il razzismo territoriale. Immaginiamo cosa accadrebbe se le rivalità fra le contrade senesi (che dividono famigli, palazzi e rioni) venissero regolate dal buonismo dell’ anti razzismo territoriale: si leverebbe alto un sacrosanto VAFFA (altro che buu) fino a frantumare i vetri del miserabile tempio buonista.

DEFICIENTI NUCLEARI.

L’ attuale patetico dittatore nordcoreano pare aver raccolto in eredità, oltre ad un potere assoluto tipico retaggio dei regimi comunisti, la somma algebrica della follia dinastica del padre e del nonno. Se a ciò si aggiunge l’ aspetto estetico, che lo indica come chiaro soggetto necessitante il TSO, prende forma un quadro a tinte fosche per il mondo intero. Questo concentrato di megalomania assoluta sembra voler ritornare sui sentieri della pazzia già percorsi da Napoleone Bonaparte, dall’ Impero Austroungarico, da Mussolini, da Hitler, da Stalin, da Mao e diversi altri “piccoli” dittatori malati di se stessi (Gheddafi, Castro, Saddam Hussein). Queste schegge di follia occupano la scena mondiale passandosi il testimone in una sorta di staffetta storica fatta di guerre, stermini di massa, campi di concentramento e culto della loro personalità, di norma malata e schizofrenica. In questo inizio di secolo spicca fra i tanti Rais la figura, fisicamente raccapricciante, del “ciccio bombo” coreano con quelle sue guancione da prendere a schiaffi terapeutici prima, durante e dopo i pasti che mostra essere così smodati da far sembrare Lucullo votato all’ anoressia. Oggi dunque il mondo sarebbe in mano a tale definibilissima (in termini clinici) espressione umana. Il nostro presente, il domani e il dopodomani condizionato da questo patetico esempio di dinastia geneticamente modificata allo scopo di generare il male. Più o meno cento chili di adipe che vogliono far pendere l’ ago della bilancia mondiale verso il caos e la distruzione totale. Ci voleva questo pupazzone autogonfiabile per spostare l’ attenzione dal cancro terrorista islamico che, come una dieta iposodica, ci viene servito ogni sera e ogni giorno ai pasti dagli chef dei telegiornali. Siamo ritornati ai “bottoni rossi” della guerra fredda che ci ha bombardato per 40 anni a base di Krusciov, Bresnev e il purtroppo quasi eterno Castro. Si riparla di missili, di bombe atomiche, di arsenale nucleare, di tutta quella immondizia tecnologica tanto cara ai deficienti che, non crescendo mai, restano infantili a vita e sognano la madre di tutte le battute di caccia, il safari cosmico, per distruggere il Pianeta. Ora il tormentone di moda è rappresentato da questo faccione dal Q.I. presumibilmente prossimo allo zero assoluto, che occupa tutti i pollici dei televisori per quanti essi siano. Il divo incontrastato è questo intestino parlante che domina platee adoranti del tutto identiche a quelle che osannavano ed acclamavano Hitler, Stalin e Mao. Ci siamo di nuovo. Siamo sempre nel piccolo villaggio cavernicolo chiamato Terra nel quale il bipede idiota, con ancora in mano la clava della sua sconfinata superbia, minaccia la guerra nucleare, si pappa i vitalizi parlamentari, impone tasse illegittime sulla caverna (oggi casa) e doppie sulle palafitte (seconde case), impone la cancellazione dei sessi, la rasatura delle chiome femminili, la condanna della libertà, della bellezza e dell’ arte. Nulla di nuovo sotto il sempre più stanco Sole. C’ è sempre la solita carcassa in putrefazione chiamata genere umano, genio del male assoluto e supremo imbecille con smanie e manie di onnipotenza. Autentico rifiuto urbano tossico.

DA “BELLA CIAO” A CIAO BELLA.

L’ evoluzione, anzi il cambiamento poichè in casi come questo mai essa si realizza, della sinistra è tutta qui, schiacciata sotto questa misera micro filastrocca. Il cancro politico mondiale (il comunismo) di cui la sinistra è sinistra culla e bara, ha distrutto i capisaldi della società civile sulle note di “bella ciao” dal dopoguerra a questi giorni catturando il consenso di popolazioni assetate di protagonismo sociale. Il morbo ha illuso intere generazioni di “pesci rossi” convincendole che la distruzione del matrimonio, della famiglia,  della responsabilità procreativa e del primato individuale, le avrebbe “liberate” dalla “gabbia borghese” dei doveri spalancamdo loro le porte del paradiso terrestre dei diritti senza se e senza ma. Il morbo ha così costruito i totem del sesso ignorante e irresponsabile (con l’ aborto riparatore), del matrimonio multiplo e della famiglia allargata, cioè della non famiglia. Compagno e compagna hanno preso il posto di marito e moglie, genitore 1 e genitore 2 invece di padre e madre. Tutti insieme indistintamente sul carrozzone del buonismo politicamente corretto e demente fino a quando la sinistra non si è ritrovata in mano il rovescio di questa medaglia-patacca: le sue mandrie si erano, nel frattempo, imborghesite, avevano costruito piccoli patrimoni familiari grazie al lievitare del debito pubblico e non se la sentivano più di obbedire ai capibastone rossi, anche loro ormai con villa e vasca di balneazione o tenuta vinicola. I compagni avevano dismesso il colbacco e la casa del popolo era rimasta senza popolino militante. Cosa fare allora? Semplice, anche per un comunista: mettere in scena un remake del dopoguerra cambiando gli interpreti nel ruolo di masse affamate. Ecco allora esplodere, a beneficio delle attività collaterali “umanitarie” sindacalizzate, la bolla dell’ accoglienza indiscriminata, anzi incoraggiata alla stregua di una attività di import su larga scala. E siamo così giunti al “ciao bella”, la parola d’ ordine per i nuovi “iscrivendi” nelle liste della sinistra. Te li ritrovi fuori da ogni negozio ad apostrofare donne di tutte le età come fossero loro sorelle (politicamente compagne) con questo “ciao bella” che se profferito da un imprenditore all’ indirizzo della segretaria farebbe scattare indignate manifestazioni sindacali di streghe e femministe doc. Ma se lo dice l’ immigrato clandestino, magari anche allungando le mani per rafforzare la richiesta di obolo, non c’è strega di “se non ora quando” che osi parlare. Donne di età avanzata, perciò ancor  più meritevoli di rispetto, devono sopportare di essere apostrofate con quel “ciao bella” corredato di espressione ebete, insegnato agli invasori dai sindacalizzati buonisti dell’ accoglienza con profitto scandaloso. Il “tu” comunista, irrispettoso di eta, autorità e livello professionale, oggi si è trasformato in “ciao bella”, la nuova pialla lessicale livellatrice in basso di ogni legittima differenza sociale. Il residuo popolino militante della sinistra (zoccolo duro di comprendonio)  ben si è adeguato al nuovo, ennesimo, diktat del partito sentendosi, finalmente per una volta nella vita, così ricco da poter fare l’ elemosina a qualcuno che, finalmente, sta peggio di lui. A nessuno che abbia minime tracce di civiltà impresse nel dna verrebbe in mente di apostrofare una donna anziana o no con quel “ciao bella” volgare e maschilista. Ma all’ immigrato clandestino, futuro prossimo elettore di sinistra, è consentito e consigliato alla faccia educazione, cultura e civiltà. L’ intestino con le gambe chiamato comunismo non si ferma mai.

GENITORI O NO PER SENTENZA.

Devo necessariamente ritornare sulla triste vicenda che ha coinvolto gli ormai famosi “genitori anziani” di Torino e la loro figlia legittima, tutti e tre vittime di quel vuoto morale e spirituale che sta uccidendo il mondo occidentale condannandolo ad un futuro (breve) di materialismo assoluto. Ci torno perchè, in contemporanea successione, è stato respinto il loro ricorso contro l’ espropriazione indebita (e “sovietica”) della loro figlia legittima, ordita e realizzata dalla divinità “politically correct”, e si sono verificate ripetute sentenze di “adottabilità” in favore di maschi pederasti, inutilmente travestiti da coppie di “genitori”. Non è una novità e chi mi legge lo sa benissimo, quanto abbia in odio lo Stato padrone, quell’ insieme di metastasi burocratiche che entrano in ogni casa, in ogni famiglia naturale, per metterle a soqquadro e normalizzarle secondo il pensiero unico e idiota corrente. Ed è contro questo mostro burocratico, che permette a dei semplici impiegati statali muniti di toga, che altro non è se non la tuta blu per i metalmeccanici o il camice bianco per il personale medico, di comportarsi come tanti “creatori”, normalizzatori e demolitori, che è obbligo sociale accendere i riflettori di una resistenza e di una opposizione politica, morale e spirituale assoluta. A chi eccepisce che due genitori in età avanzata non possano garantire il futuro della propria figlia rispondo che il sequestro espropriatore di questa è un atto di prepotenza ben più grave della presunta incertezza di futuro, è un atto che stabilisce  arbitrariamente un limite oltre il quale debba essere lo Stato burocratico a consentire o vietare paternità e maternità. E se fossero stati due maschi pederasti o due femmine lesbiche della medesima anzianità quegli stessi impigati statali in toga avrebbero agito allo stesso modo? La domanda è lecita e suggerita dalla superficialità e irresponsabile facilità con cui essi assegnano (in virtù di un potere legislativo usurpato) ignari e sfortunati bambini in adozione a binomi caricaturali dello stesso genere sessuale. Quale futuro possono garantire due entità riprodotte nel laboratorio mengheliano del politically correct a questi sfortunati figli? Usurpare il titolo di genitori e dispensarlo a piene mani a tavoli invaghiti di sgabelli che sognano di avere altri sgabellini o sediole, destinati ad ammalarsi di una  inguaribile zoppia mentale e a non trovare collocazione nell’ arredo di una società naturale, è un atto dio violenza inaudita del quale uiniche vittime sono questi figli giocattolo. Meglio anziani che innaturali rispondo io facendo  eco alla natura violentata e vilipesa dalla pazzia del politicamente corretto. Questo morbo mentale che attacca la famiglia, la bellezza e l’ armonia biologica, tentando di distruggerle per instaurare un mondo di macchiette, di caricature raccapriccianti, si giova anche della pubblicità,  serva del potere, che produce sempre più spot popolati da tali caricature. Persino per pubblicizzare un detersivo per lavastoviglie qualche mente malata è ricorsa alla mistificazione dei sessi dando ad un piatto un nome proprio femminile e ad una pentola quello proprio maschile per un dialogo domestico di sesso capovolto. Vi è tutto un enorme e lobotomizzato esercito al servizio die questa follia, e di esso la punta di diamante è rappresentata da quegli impiegati statali in toga che, forse immaginando di essere Dio, si esaltano in sentenze che mai, in una Nazione civile e democratica, avrebbero valenza di legge. Questi impiegati statali in toga rappresentano la scorciatoia per aggirare la via maestra secondo la quale ogni legge debba derivare da un Principio ad essa superiore e possa trovare luogo di nascita solo in un Parlamento democraticamente eletto, non nella stanzetta dei bottoncini che ogni Masaniello può ideare per se stesso. E’ aberrante condannare figli innocenti e inconsapevoli a morire senza aver vissuto in una famiglia naturale soltanto per soddisfare un capriccio, spacciato per presunto diritto, di due caricature a vivere una vita finta come una Commedia dell’ Arte. E’ aberrante perchè nella foga di trutelare un falso diritto se ne calpesta uno vero, legittimo e naturale, protetto da tutte le leggi e da tutti i Principi della natura. Purtroppo queste parole non raggiungeranno mai i padiglioni auricolari (nè tanto meno le coscienze) di questi impiegati statali con toga solo perchè in questo vllaggio primitivo comandato dallo stregone politically correct chi giudica non può e non deve essere giudicato, pena la scomunica e la radiazione dall’ ovile.

ITALIANAMENTE.

Siamo in piena guerra economica, religiosa, etnica e politica. L’ Italia, più di tutti a causa della congenita assenza di senso della Nazione, è in balia di quella folle teoria chiamata globalizzazione e multiculturalismo che in nessun altro Paese è riuscita a distruggere i sentimenti di sovranità nazionale, Patria e popolo. Tutte le popolazioni che la stanno invadendo mantengono inalterati i segni distintivi della loro cultura (quasi sempre sottocultura), della loro religione e della loro coesione etnica. L’ Italia non ha mai avuto tutto ciò. I suoi giullari politicanti fanno a gara per abbattere i capisaldi di una cultura e di una storia millenaria. L’ Italia è orfana di se stessa e come tale è ambita preda delle orde barbariche che possono avvalersi della complicità e del tradimento di quei collaborazionisti che per soldi e ideologia politica la vendono allo straniero. L’ altra ganascia della pinza globale che la sta frantumando è l’ UE dei burocrati più idioti che abbiano mai infestato quella Jungla chiamata mondo. E’ in atto una persecuzione politica e culturale voluta dalla nuova Prussia “kuloniana” della quale l’ UE è strumento e testo sacro. A fronte di ciò assistiamo ai penosi balletti di poltrone in una sinistra, purtroppo dominante, che si è arrogata fraudolentemente i ruoli di governo e di opposizione svuotando la democrazia fino a sterilizzarla. Cosa fare davanti all’ eterno avan spettaccolo delle baruffe chiozzotte orchestrate dai comunisti?  L’ unica via di salvezza è la nascita di un partito politico per l’ Italia, che rifiuti i riciclati e i camaleonti di professione. Un partito che ragioni ITALIANAMENTE ma non all’ italiana. Una formazione politica che ritrovi le radici cristiane, occidentali e libertarie ponendole alla base del suo programma. Qui non si tratta più di opporsi alla globalizzazione economica ma di fronteggiarla mantenedo inalterate le peculiarità della nostra Nazione. Solo gli imbecilli multiculturalisti di sinistra possono blaterare che globalizzazione significhi la perdita della propria storia della propria identità. Donald Trump sta semplicemente cercando di far capire questo agli USA, usati e gettati via dal folle disegno obamiano di una Nazione non più patria, non più famiglia, non più popolo. Quando Trump dice “…ospitiamo solo chi ci ama” non introduce un limite così detto razzista ma, finalmente, cancella l’ idiozia buonista, tutta sinistra, che vuole sottomettersi all’ Islam, al suo oscurantismo morale, economico e culturale. E’ necessario un partito politico che resusciti il senso di appartenenza nazionale morto già l’ indomani  dell’ unificazione risorgimentale.   Oggi siamo nella così detta “area euro” senza più la nostra moneta, la nostra sovranità politica, senza poter decidere come vivere ma solo come morire. Ci pensa la kulona a decidere ogni cosa, ci pensano i traditori appecoronati al dominio del quarto reich. Bisogna insorgere e risorgere ITALIANAMENTE, non all’ italiana come accaduto con quel bullo liceale fiorentino o quel marionetta super stipendiato sulla pelle dei disoccupati, o quel mortadella misuratore di piselli e banane.  La domanda è: ci sono in Italia menti preparate in grado di salvarla dal degrado in cui l’ ha scaraventata questa sinistra irresponsabile e profondamente ignorante le vere necessità degli italiani? Credo di si. E la sfida, non procastinabile, è far emergere questa terra sommersa, questo bacino di speranze per un presente che possa diventare futuro. Questa parte d’ Italia deve salvare l’ Italia intera dilaniata dal morbo comunista, da questi zombie che rifiutano l’ eterna sepoltura culturale dopo essere stati uccisi dalla storia e dopo aver contaminato il mondo con la peggiore delle ideologie politiche. ITALIANAMENTE ma non all’ italiana.

LA PESTE BUROCRATICA.

Il decadimento mentale del singolo individuo, che assume rilevanza nazionale con il decadere della legge a succube  braccio amministrativo, è dovuto al dominio della burocrazia, cioè della quintessenza dell’ idiozia umana. Il burocrate è la negazione dell’ uomo filosofo, ragionatore, critico e fantasioso. In sintesi è la negazione dell’ intelligenza. Esso si pone al servizio dell’ appiattimento sociale,  è l’ ottuso sergente dell’ omologazione del pensiero, è il servo viscido delle dittature. E’ una comparsa che ambisce al ruolo di protagonista attraverso l’ eliminazione di questi. Burocrazia è mancanza di autogoverno della persona, è la montagna di norme che schiaccia la libertà quotidiana, è la nevrosi regolamentatrice tipica delle menti inferiori incapaci di concepire pensieri e che, giocoforza, ad essi oppongono regole e cavilli, pastoie e cervellotici labirinti normativi.  La decadenza generale che stiamo vivendo origina dalla burocrazia e di essa moriremo se l’ individuo pensante non si ribellerà al sistema burocratico che lo vuole incapace di pensare, sottomesso alla regola e privo di iniziativa.  Il burocrate è colui che appone sul flacone del detergente per pavimenti l’ etichetta altisonante di “presidio medico chirurgico” soltanto perchè nelle quote degli elementi costituenti si dice che svolga azione disinfettante.  Ora, la convinzione che i pavimenti soffrano di patologie tali da rendere necessario l’ impiego di “presidi medici chirurgici”,  può “germogliare” solo nella desertica crapa di un burocrate maniaco delle etichettature. Proprio come lo erano i nazi-comunisti che “denominavano” le vittime nei loro campi di concentramento con etichette alfanumeriche incise sulla pelle. Il burocrate è colui che attribuisce ad un detersivo per lavapiatti o lavabiancheria una “tecnologia” per combattere unto e macchie in luogo di un semplice processo chimico dovuto all’ azione di sostanze presenti nel prodotto. Sarebbe allora tecnologia anche l’ azione del disseccante cosparso sui campi in agricoltura. Il burocrate è quel pazzo che arriva ad immaginare la classificazione della famiglia in genitore 1 e genitore 2, procedura da estendere poi ai figli che se saranno maschi saranno tutti 1 e 2 se saranno femmine. Il burocrate è quel cretino che arriva a negare i due sessi affermando che trattasi di distinzione anti democratica e discriminatrice nei confronti di chi in essa non si riconosce.  E’ lo stesso che affermare che non esiste solo la Terra e il Cielo, o l’ acqua e il fuoco, ma che esistono stati fisici intermedi di essi: “fuocoacqua o Terracielo”, limbi nei quali “sicuramente” si può collocare chi è diverso.  E’ patetico vedere come questi idioti burocrati tentino di eludere la realtà per etichettare “nuovi” prodotti della natura come ad esempio gli omosessuali, che altro non sono se non maschi e femmine con anomalie psicofisiche che impediscono loro la “fruizione” (detto in burocratese)  naturale della sessualità. Il burocrate idiota va oltre la irrazionalità e si diverte a prendere per i fondelli chi è colpito da menomazioni fisiche. Ecco allora emergere dal liquame lessicale ideologizzato del burocrate espressioni come “normodotato” per indicare persona sana e normale, “ipovedente o non vedente” in luogo di cieco che appare politicamente scorretto, “ipodotato, portatore di handicap” per non dire paralitico o zoppo. In questa forsennata rincorsa alla negazione dei concetti di normalità e sanità il burocrate, sempre più cretino, pone in atto il bluff della “normalità” della anormalità, nella delirante convinzione che le infermità fisiche scompaiano semplicemente negandone l’ esistenza.  Coloro che ne soffrono sanno bene che non è così.  Nel teatrino dei burattini politicamente corretti vanno in scena raccapriccianti commediole ideologiche che poi opportunamente e prontamente vengono tolte dal “cartellone” per far posto ad un’ altra categoria più remunerativa per la tasca ed il seggio, ad esempio gli immigrati. Costoro d’ improvviso diventano rifugiati, richiedenti asilo politico e dunque burocraticamente intoccabili. Nuovi soggetti rispetto ai quali piegare la democrazia, l’ uguaglianza giuridica e la libertà personale, a basse e corrotte logiche di bottega. Tutti  valori che  devono scomparire per far posto all’ immigrato, rifugiato, richiedente asilo, che ha il diritto di viaggiare senza pagare il biglietto, ha diritto di stuprare perchè nei villaggi d’ origine si fa così, ha diritto di occupare case lasciate momentaneamente incustodite dal legittimom proprietario. Ha il diritto ad una paghetta quotidiana da finanziare con i soldi dell “Stato sociale” che così deve chiudere i rubinetti per gli italiani.   Tutto ciò è l’ affare del secolo per i partiti della non politica, per le cooperative catto-comuniste e clerico-comuniste. Miliardi di euro che transitano attraverso le maglie larghe del buonismo per finire, in gran parte, nelle tasche di faccendieri, burattinai e burattini. Il burocrate sguazza nel buonismo burocratico ed elargisce perfino servizi di assistenza psicologica a mani basse a questa immigrazione selvaggia rendendola pulizia etnica in danno dell’ Italia e degli italiani. Burocrazia erba parassita e peste sociale.

MATERNITA’ MATURA.

Nell’ ottica della recrudescenza maschilista, in verità sopita solo politicamente e artificiosamente per un breve periodo a beneficio della sinistra in chiave anti famiglia naturale, le reazioni agli ultimi casi di maternità in età matura dipingono il quadro di ignoranza esposto nella galleria mondiale del politically correct e della demenza ipocrita. Qualche medico  (che ignora il comandamento “… cura te stesso”) e tanta manovalanza mediatica sono arrivati a definire contronatura tali maternità mentre dagli stessi ignobili soggetti sono ritenute naturali le unioni omosessuali e la contestuale condanna  a vita per i minori consegnati d’ ufficio ad esse. La manovalanza omomaschilista al soldo del politically correct urla in faccia alle donne eterosessuali tutto lo “sdegno” e la condanna per queste maternità mature salvo passare sotto silenzio maternità e paternità surrogate, altrettanto mature, di omosessuali e quelle etero di facoltosi maschi anziani, e anche vecchi, purchè personaggi intoccabili. La lista di sessantenni ed oltre che  comprano uteri giovani per giocare a fare i nonni-padri è lunga e variegata ma nessuna voce si è mai levata dal coro delle vestali perchè il maschio può tutto, specie se è un attore, un politico, un intoccabile insomma. Per lui e per quelle caricature di mogli-maschi e mariti-femmine non è contro natura acquistare figli al supermercato del politically correct. Essi tutto possono e a tutto hanno diritto, basta esibire la tessera del clan degli ipocriti dei nuovi creatori del genere umano. Misera umanità moralista nella quale spiccano eminenze religiose che infliggono penitenze nel confessionale, eminenze giuridiche che condannano dagli alti tribunali, eminenze scientifiche e politiche che pontificano dai pulpiti della pretesa superiorità, mentre nel privato praticano pedofilia omo ed eterosessuale, nel “rispetto” categorico del “loro” concetto di natura. E’ solo la donna eterosessuale che partorisce oltre i cinquanta anni a commettere un delitto contro natura secondo la filosofia dell’ arroganza e dell’ ignoranza maschilista.

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150