Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

Archivi del mese: agosto 2018

PEDOFILIA A PIENI VOTI.

Uno dei voti, cioè solenni impegni a fare o non fare per tutta la vita, sui quali si basa la credibilità di una funzione, praticamente impossibile, come quella del sacerdozio, è il voto di castità autentica follia in termini biologici e psicologici. Ma siccome il potere della Chiesa, intesa come gerarchia ecclesiastica, si fonda sulle leggende della infallibilità del Papa di turno e sul, puramente immaginario, distacco dei suoi ministri dalle cose terrene e naturali è di vitale importanza, per essa, difendere e coprire tali leggende. La cultura popolare, quella reale formatasi attraverso secoli di esperienza pratica e non filtrata dalla censura,  narra da sempre dei maschi di Chiesa vittime della loro natura, una natura che si ribella alle terribili restrizioni imposte dal codice ecclesiastico. E si ribella in modo “naturale” cioè attraverso comportamenti nevrotici guidati dalla reazione della natura contro la “cultura” che pretende di schiavizzarla, di sottometterla e di cancellarla. La gerarchia ecclesiastica, tutta, è sempre stata come lo champagne imprigionato nelle bottiglie dal tappo assolutamente ermetico ma privato della “sicura”, la gabbietta metallica che ne impedisce l’ espulsione. Mancando questa esplode e crolla miseramente il castello dei voti, della dirittura morale, del distacco dal secolarismo e la commedia degli “infallibili”, che pontificano da ogni pulpito capiti loro a tiro, si rivela essere una burla planetaria. Per inciso quanto detto vale per ogni forma o tipo di religione, soprattutto per quelle apparentemente più integraliste e dogmatiche. Il tradimento dei voti è di tutti, è connaturato alla struttura della psiche umana. Tradisce il politico che incassa mazzette, il giudice che aggiusta le sentenze per scopi politici o di carriera, il poliziotto che per arrotondare chiude  un occhio, il finanziere che per arrivare in alto li chiude tutti e due. E, poveretti, tradiscono anche mogli e mariti per ricompense molto meno ricche e gratificanti. Ma ciò che colpisce e rende insopportabile il tradimento degli ecclesiastici pedofili omosessuali è l’ oggetto del loro schifoso sbavare e l’ arroganza della loro sbandierata “purezza di spirito” opportunamente testimoniata da anelli, croci e collane gemmate. A ciò va aggiunta la fastidiosa severità delle loro prediche, delle loro filippiche moraliste contro chi non si occupa di bambini, di poveri e di malati. In realtà ai bambini mostrano di pensarci loro piuttosto alacremente e nei modi che ormai tutti conosciamo. Dunque se le cronache attuali narrano quotidianamente di preti, suore, vescovi e porporati in instancabile attività sessuale contro natura e contro la morale, perchè non porsi la domanda se sia o no opportuno abolire questa pletora costosissima di “spiriti superiori”, di predicatori severissimi verso gli altri e indulgentissimi verso sè stessi? A cosa servono queste finte ed inutili interfacce fra noi e Dio? La preghiera dettata ed insegnata da Gesù contiene tutti i presupposti per un dialogo pieno e rispettoso con Nostro Signore. Un rapporto diretto con Lui basato su di Essa vale molto  più di un miliardo di omelie dotte, noiose e recitate dai figuranti bardati con insopportabili broccati e tiare. Ricordo che Gesù non aveva anelli da ostentare e far baciare ai Cristiani che si inginocchiavano davanti alla Sua Santità. Costoro inveve non si limitano a farsi baciare l’ anello del potere da quegli sventurati che capitano sotto le loro viscide grinfie. Se la gerarchia ecclesiastica deve essere, come appare, un mondo sommerso di omosessualità violenta e pedofila, allora è meglio cancellarla tagliandole le offerte in denaro, la frequenza ai riti e la fiducia popolare della quale ha approfittato da sempre. Smettiamola di sentirci così inferiori, così bisognosi di tutela spirituale e politica da diventare zimbelli di una lobby proprio da noi resa potentissima quanto la sua gemella della gerarchia politica.

GIOVENTU’ SEMPRE PIU’ BRUCIATA.

Traggo spunto dal lancio di uova, che ha portato tre idiotelli ai fasti della cronaca buonista, non per trattarne l’ inesistente connotato razzista (lascio volentieri ai dementi storicamente avvezzi a pasturarsi di immondizia a fini politici), ma per dire quattro paroline a questi “giovani sofferenti” e ai loro colpevoli elargitori di privilegi, primo fra tutti la nascita. Pare che il movente ispiratore della cretinata serale, non unica e di certo non ultima, sia da ricercarsi nella noia che attanaglia le fragili menti dei pronipoti dei sessantottini imborghesiti. Si annoiano, i pargoli. E nelle monotone serate in piazza, dopo aver trascorso una inutile e faticosa giornata a non far nulla, come si fa a non “pensare” (con cosa poi vista l’ assoluta assenza di arredi cerebrali) a qualcosa di stimolante e di intelligente? Sia chiaro questo non è uno scenario nuovo ma solo l’ eterna riproposizione della stupidità giovanile che, con il passare degli anni, perde soltanto l’ aggettivo e resta intatta fin oltre gli anta. Ricordo che da ragazzi le sere di agosto risvegliavano le più sopite smanie di imbecillità che ci inducevano a suonare i campanelli dei palazzi a tarda notte, o a lanciare scorze di anguria dai terrazzi sulle auto in transito. Si dirà che nulla è cambiato se non l’ ingrediente da lanciare, ed è proprio  vero. Ciò che non cambierà mai è l’ orribile uso che si fa della propria gioventù. La si brucia, come ha insegnato James Dean nel famoso  (basta poco per diventare miti nel deserto culturale) film “Gioventù bruciata”. Anche in quello  spaccato di vita  piccolo borghese amaricana si moriva per noia sfruttando appieno l’ incapacità giovanile di valutare la vita, almeno come cosa in sè senza scomodare troppo profondi  quesiti  sul suo perchè. Oggi, i cretini adolescenti si ammazzano per stabilire record di salto fra palazzi o sfidando il sopraggiungere dei treni se non addirittura “cavalcandoli” alla moda western, senza pensare che essi viaggiano a mille e non “passeggiano” come le “caffettiere” di Jessy James, tanto per citare un altro totem dell’ imbecillità giovanile. Ma perchè nulla ferma questa onda autodistruttiva che l’ avvento di internet ha reso un vero e proprio tzunami esaltando comportamenti emulativi di fortissima presa sui gruppi di giovani? A questa domanda i salottieri pseudo intellettuali della incultura dominante hanno sempre risposto scaricando la responsabilità sulla società civile, colpevole di tutto e sempre. Lasciamoli blaterare e proviamo a sezionare il giovane cadavere stesso sul letto dell’ ignoranza. Se si ascoltano i genitori si scopre che non ce n’ è uno che non si rifugi nella frase autoassolutoria del “le ho provate tutte e non so proprio come prenderlo”. Ma cosa hanno fatto in realtà? Forse hanno seguito la corrente di moda accettando la corsa a dare ai  figli quanto e più ricevuto da tutti i loro coetanei, forse hanno speso cifre scandalose in videogiochi lobotomizzanti, di certo hanno elargito paghette, auto e costose scarpe di tendenza. Ma hanno mai pensato a regalare ai propri intoccabili miracoli viventi una pala e un piccone, dapprima solo metaforicamente evitando così di illuderli che tutto cada dal cielo, non solo gratuitamente, ma soprattutto obbligatoriamente, e poi realmente, costringendoli a coniugare scuola e lavoro (estivo) per ripagarsi le spese degli studi? Ma scherziamo? Giammai! Far sporcare le loro divine manine con simili attrezzi che lederebbero per sempre la capacità futura di manipolare una siringa di felicità o di stringere il collo di una bottiglia da sballo? Poverini! E’ crudeltà pura farli incontrare con la vita dopo 18 anni di fiabe e castelli in aria! Purtroppo all’ appello della vita i genitori sono spesso assenti menrtre è sempre presente chi ha assoluto bisogno di imbecilli e di una società civile ignorante, meglio ancora se drogata e alcolizzata. E’ quella parte politica che professa la deresponsabilizzazione delle masse, concedendo il 6 politico, le stanze della droga, la famiglia allargata (in realtà smembrata), l’ autodeterminazione del sesso, imponendo l’ odio per la dedizione al lavoro e l’ esproprio formativo dei figli da normalizzare negli asili nido tramite le kapò di partito. Il vero progresso non è nella teconologia, nella robotica o nella finzione virtuale,  sono pala e piccone i veri strumenti di crescita, la sola   barriera ignifuga che può salvare la gioventù dal fuoco della gioventù.

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150