Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

IL PRIMATO DELL’ ULTIMO.

A volte è indispensabile occuparsi degli imbecilli e di essi scrivere.  Chi sono costoro? Sono quelli che blaterano, ad ogni latitudine, del primato dell’ uomo sulle altre creature e sulla natura tutta. Questa pretesa superiorità induce a  giustificare, anzi ad autorizzare le più spregevoli nefandezze compiute da orde di sottosviluppati umanoidi in colpevole libertà. Dalla Sacra Bibbia qualche idiota ha estrapolato “… Tu uomo governerai sulle creature del mondo  … ” e, non casualmente, frainteso  “dominerai” considerando così il comandamento una sorta di licenza di caccia, di sterminio, di distruzione, di utilizzo a piacere. Da cotanto potere investito l’ idiota “uomo” si è dedicato a fare del mondo un Inferno a sua immagine e somiglianza. Si è convinto così che per un’ idea, quasi sempre per un capriccio travestito da idea, possa uccidere, torturare e disporre della vita di ogni essere compresi i suoi simili. Eppure sarebbe sufficiente il paragone con le capacità degli uccelli i quali, con l’ ausilio del solo becco, riescono a costruire opere d’ arte residenziali, per certificare la sua inferiorità intellettuale. Cosa è in grado di fare infatti con l’ uso della sola bocca il bipede di Neanderthal?  Bestemmiare, maledire e propagare epidemie sociali quali sono stati il comunismo, il nazismo e l’ islamismo, con i loro addentellati “residenziali” modello campi di concentramento e di sterminio. In quale anfratto del Creato risiederebbe dunque questa superiorità dell’ uomo, questo suo diritto di disporre del mondo? I soli habitat capaci di ospitare questo folle teorema sono le sue anse cerebrali, il suo ego smisurato, la sua inguaribile ignoranza, la sua infinita imbecillità.  Può una creatura così mal fatta e molto spesso esteticamente ributtante, essere il centro dell’ Universo? Si è la risposta valida solo per i cretini che non hanno capito, o fingono di non capire, che governare è servizio e non dominio. Che essere uomini e avere il privilegio della parola è impegno spirituale prima che fisico, impegno che chiama a comportamenti guidati dalla cultura e non dalla natura. In questa ottica è deprimente sentire questo Papa “venuto da lontano”, ma essere  ancor più lontano dalla verità, perorare la causa dei bisogni materiali, la comprensione delle devianze quali le unioni omosessuali, stabilire il primato poltico su quello dell’ anima, come fosse un qualsiasi direttore commerciale d’ azienda. Evidentemente anche la sua figura è frutto di autocertificazione, di autoreferenzialità, di totale secolarizzazione. Non è un caso infatti che la Sua “dottrina” si riduca ad una nevrotica e maniacale contrapposizione fra ricchi e poveri, ad una rivendicazione sindacale meramente espropriatrice, ad una riedizione in salsa cardinalizia del Capitale di Marx. Una “dottrina” comoda e popolare che consente di cavalcare l’ onda  dei diritti dello stomaco tralasciando i doveri dell’ anima. Questi ultimi se rispettati e osservati farebbereo dell’ individuo un degno centro dell’ Universo e non l’ attuale, insaziabile e periferico intestino. L’ unico primato che l’ uomo può vantare è quello di essere moralmente, filosoficamente e intellettualmente ultimo.

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150