CONCORSO ESTERNO AL NULLA.

Marcello Dell’ Utri sta morendo in galera condannato per un reato, nemmeno contemplato nel codice penale, “virtuale”  o meglio inventato da un apparato giudiziario che dà l’ impressione di ubbidire ai diKtat di un ben noto partito politico. Il concorso esterno in attività mafiosa non significa nulla poiché se anche si volesse ipotizzare una collaborazione da “colletti bianchi” essa ricadrebbe sempre e comunque nell’ attività mafiosa punto. Allegare la parola esterno sembra essere l’ escamotage architettato da chi non avendo prove di mafiosità vera, ma volendo annientare un personaggio politico avversario e scomodo, inventa un termine generico (esterno a chi o a che cosa?) per confondere i confini di una azione giudiziaria che devono essere sempre trasparenti. Comunque Marcello Dell’ Utri sta morendo in galera da probabile innocente, mentre assassini come Battisti e tutti i suoi sodali brigatisti rossi, oggi godono di libertà e coperture internazionali. Questi criminali hanno ammazzato padri di famiglia colpevoli di non essere comunisti, di non appartenere alla  elìte rossa e sanguinaria, e sono in libertà, possono addirittura fare i docenti, scrivere libercoli e possono succhiare i privilegi di quella società capitalista che latravano di voler combattere e annientare.  Marcello Dell’ Utri non ha ammazzato nessuno, non ha piazzato bombe e probabilmente non ha mai preso nemmeno una multa stradale. Ha studiato, si è affermato ed è diventato Senatore della Repubblica commettendo però alla fine il delitto dei delitti: si è iscritto a Forza Italia ed è stato fedele al suo fondatore il Presidente Silvio Berlusconi. Ha sostenuto una opposizione civile, parlamentare ed intellettuale al dominio del pensiero unico comunista.  Forse per questi motivi ha avuto comminati sette anni di reclusione e deve scontarli tutti! Non certo come gli stupratori clandestini che uccidono come se sbadigliassero e il giorno dopo godono di libertà. Non certo come gli ergastoli dei criminali rossi che sono restati sulla carta bollata mentre i loro miserabili titolari si godono la bella vita. Vergogna, vergogna, vergogna.