Fb-Button
Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

Archivi del giorno: 14 Agosto 2013

MARTIRE CERCASI.

Incuranti di tradire la verità ma pervicacemente fissati nel seguire il loro percorso ideologico, i grandi sacerdoti e le vestali del tempio sessuale si aggrappano a tutto e non disdegnano di strumentalizzare platealmente tragedie che, come vedremo, poco o nulla hanno a che fare con la diatriba omosex sì, omosex no. Il ragazzino di Roma suicidatosi per presunte vessazioni subite in relazione alla sua pretesa condizione di omosessuale è stato vittima in realtà di quel terribile intrigo psicologico che risponde alla definizione di dinamica comportamentale di gruppo. Iscriverlo ipso facto nel calendario dei “martiri” omosex è segno di spropositata fretta ideologica nel riempire caselle, fortunatamente vuote, a fini speculativi. Chi conosce l’ abc di tali dinamiche sa benissimo che tanti sono i pretesti per sberleffi ed emarginazione fra adolescenti, la cui crudeltà riesce ad essere seconda solo a quella degli adulti. L’ obesità, la statura, la bellezza, la bravura nello studio o nello sport, l’ intelligenza e la sensibilità, sono, insieme all’ individualità, alcuni degli spunti che il gruppo utilizza per mettere in atto azioni di esclusione, se non di tortura psicologica,  ai danni di soggetti isolati. Le sofferenze che ne derivano sono molto spesso fatali per la tenuta mentale dell’ escluso che riesce a drammatizzare ciò che considera il proprio insuccesso fino al punto di non ritorno. La fragilità adolescenziale si somma al bisogno di appartenenza al gruppo ed il grado di accettazione fa da cartina di tornasole nel misurare la propria autostima. Il cocktail è esplosivo in sè e bastano pochi ma ben assestati colpi di bullismo per demolire la ancora embrionale personalità del malcapitato. Parlare poi, a 14 anni, di omosessualità definita e definitiva, concetto tanto caro agli arruolatori di adepti del terzo sesso, è un obrobrio psicologico ed uno stupro della mente, una violenza classificatrice non meno miserabile di quella posta in atto dai presunti bulli di quartiere in questione. Chi può dire di non aver avuto contatti più o meno ravvicinati del terzo tipo con coetanei  negli anni terribili che portano alla graduale definizione del proprio profilo sessuale?  L’ amico o l’ amica del cuore con i quali si sono condivisi segreti  “inconfessabili” li abbiamo avuti tutti ed i primi contatti con la scoperta del sesso avvengono quasi sempre  attraverso un coetaneo omologo. Ma nella quasi totalità dei casi si tratta di  una fase che si chiude spontaneamente come si era aperta senza lasciare pretesi imprinting  omosessuali di sorta. Questo ragazzino forse avrebbe fatto la stessa tragica fine se fosse stato bersagliato per essere basso o troppo magro. Affibbiargli l’ aureola ideologica di martire di quella naturale repulsione che viene chiamata omofobia è un atto di omofollia allo stato puro. Purtroppo i tempi sono il segno di ciò che siamo diventati ed anticipano ciò che saremo. Appare evidente come lo starnazzare nel tempio omosex  denunci una volontà politica di appiattimento dell’ analisi e del giudizio su un pensiero unico funzionale al ribaltamento dei valori e della verità.  D’altra parte la creazione di categorie e la classificazione della persona non in quanto individuo inviolabile in sè ma solo in base all’ appartenenza ad un macro gruppo è la  fonte dell’ ideologia che contrappone politicamente i brutti ai belli, i bassi agli alti, i poveri ai ricchi, i cretini agli intelligenti e gli omosessuali agli eterosessuali.  Chi può negare infatti che se questo sfortunato ragazzino fosse stato assistito nell’ età che io chiamo “delle canne al vento”, della massima instabilità e incapacità di percepire la vita, se fosse stato aiutato a vedere oltre la nebbia dell’ adolescenza, non dai servizi televisivi che fanno solo l’ apologia dell’ omosessualità e una sorta di coscrizione obbligatoria per il nuovo esercito sessuale, ma da genitori, psicologi neutrali e da una scuola che purtroppo oggi è inesistente, non avrebbe superato quella che pare essere una semplice fase di definizione individuale e di uscita dalla bisessualità preadolescenziale ed avrebbe potuto godere di una vita eterosessuale pienamente gratificante? Soltanto l’ ottusa ideologia del politicamente corretto non si pone domande come questa.

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150