Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

POLITICA CIALTRONA

Se si eccettuano i regimi dittatoriali, da quelli microscopici a quello della immensa Cina, la poltica italiana risulta la più cialtrona del mondo occidentale. E tale inarrivabile cialtroneria è salita alla ribalta internazionale con l’ entrata dell’ Italia nell’ area dell’ euro. Prima di allora ogni Nazione poteva decidere la propria politica economica e monetaria, e c’era chi svalutava per galleggiare (l’ italietta misera) e chi rivalutava (il quarto Reich) per rafforzare il dominio continentale. La Germania divenne così la locomotiva dell’ Europa e l’ Italia uno degli ultimi vagoni merci trainato e privo di propria forza motrice.   Chi sia l’ artefice da ringraziare per questa involuzione culturale ed economica, è sotto gli occhi del mondo intero: la classe politica italiana che si è rinnovata nelle generazioni ma è rimasta la stessa dal dopoguerra quanto ad attitudine al dilapidamento della cosa pubblica. In questo senso non ci sono distinzioni di colore politico da fare perchè le vicende giudiziarie che si sono succedute nei decenni, a partire dal lontano scandalo Lockheed, hanno dimostrato che tutti ma proprio tutti i partiti, con le loro strutture centrali e periferiche hanno rubato a mani basse dalla saccoccia pubblica e si sono arricchiti causando il conseguente impoverimento fallimentare al quale siamo giunti oggi. Ora, dopo che la Democrazia è collassata con il golpe bianco e l’ avvento del Governo dei tecnici, gli italiani saranno chiamati a rinnovare un Parlamento che si è rivelato da anni essere il luogo di faide politiche, partitiche, di corruzione e compravendita di deputati e senatori tali da far impallidire un campo da fiera paesana. Ma siccome il degrado non conosce mai fine questa volta le così dette alte sfere hanno deciso, già prima del voto, chi sarà a guidare l’ Italia ancora più giù nel baratro della recessione economica. Si sta cioè concretizzando il disegno che da sempre vede uniti i due schieramenti delle oligarchie di destra e di sinistra secondo le quali il Governo della Nazione deve essere deciso da esse non avendo il popolo ignorante e ottuso la capacità di scegliere e di decidere. Quindi via libera a tecnici asserviti all’ ideologia politica che servono a vanificare e svuotare il significato di democrazia vera rappresentato dal voto. Si voterà ma dopo si farà come vogliono le intellighentie europee, gli alti strati della Finanza e i servi della politica cialtrona, perchè il debito pubblico creato da questa sia spalmato e fatto pagare ad intere generazioni del popolo beota. La ciliegina sulla torta di sterco che sarà servita alla tavola italiana consiste nel proliferare di  masanielli  moralizzatori di vario colore, con epa e barba o senza ma perfettamente funzionali a turlupinare l’ elettorato stordendolo con miraggi, con specchietti per allodole e favole di rinnovamento. La cosa tragfica è che ciò non lo afferma chi scrive, che potrebbe anche non aver capito nulla, ma una entità inoppugnabile chiamata Storia la quale custodisce un infinito archivio di manipolazioni di masse e di saccheggi delle economie tutti, immancabilmente, risanati con opportune guerre in guisa di volano della ripresa economica. Ancora una volta guai ai vinti, cioè a noi.

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150