Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

ANCORA SULLA “SQUOLA”

Un luogo comune molto diffuso e passivamente condiviso afferma che chi si dedica all’ arte dello scrivere narrativa, non debba schierarsi politicamente restando, come essa, al di sopra delle parti. Sarebbe come imporre al pittore di non dipingere sulla tela ma nell’ aria. Quando poi l’ argomento in questione è la scuola come si può non schierarsi, almeno dalla sua parte? L’ offensiva mediatica di cui essa è oggetto in questi giorni attraverso una campagna pubblicitaria istituzionale e la pressione politica che la schiaccia volendone confermare la natura di territorio occupato e limitato da recinti ideologici, spingono chi ama la cultura e chi scrive, non certo chi copia e incolla on demand,  a spendere inchiostro e qualche idea in sua difesa. Tale campagna pubblicitaria ha rispolverato in toni lacrimevoli la lavagna, il gesso e la “cancellina”, i banchi, l’ amore per i professori, i grembiuli bianchi e neri con fiocco e colletto, e tutto quel mondo che una certa parte politica ha voluto demolire a partire dal triste  ’68. Oggi, a distanza di 44 anni la stessa parte politica, attraverso uno dei suoi tanti menestrelli, finge di riscoprirla con dichiarazioni d’ amore tanto finte quanto palesemente strumentali al solo fine di riaffermare, e questa volta non con toni di piazza ma con mielose parole, che la “squola” non si cambia.  Essa deve restare una prolunga dell’ ufficio di collocamento, un luogo di incontro e non di studio, insomma una fabbrica di manovalanza ideologica che si traduce poi in voti.  Se denunciare ciò vuol dire schierarsi mi chiedo perchè vergognarsi di farlo? Perchè restare con le parole in tasca e lasciare che la scuola perda definitivamente la sua precipua funzione di fonte della cultura superpartes? Perchè rassegnarsi ad avere studenti ignoranti, normalizzati e allineati nell’ unifrome mentale unica per tutti? Perchè rinunciare al bene supremo dell’ individualità morendo di inedia e di insignificanza dentro un branco monosillabico che giunge inconsapevole fino alla vecchiaia?  Uguaglianza non è appiattimento e liberi non si è se non si è colti! Si chiedano i giovani studenti se al Potere essi servano ignoranti o istruiti e poi vedano se sia necessario e giusto schierarsi o no. 

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150