Fb-Button
Banner1
Eligio Bartoli
Banner2
Eligio Bartoli

Archivi del giorno: 14 Ottobre 2012

VITA IN POESIA

I dati sulla partecipazione ai concorsi letterari di poesia e il clamoroso boom delle nascite di “poeti”, anche solo meramente amatoriali, indicano nell’ arte dei versi un porto di ricreazione mentale, un’ isola personale dove ad ognuno è consentito di rifugiarsi allo scopo di creare gli anticorpi necessari per vivere e soffrire su quell’ isola collettiva che è la società civile. I detrattori della poesia come pratica letteraria la considerano una fuga, una dimostrazione di manifesta incapacità di accettare la lotta, una vile ritirata nell’ eremo solitario del non confronto. Il romanziere, secondo costoro, racconta storie di gente, tristi, allegre o avventurose che siano, sempre di un palcoscenico collettivo si tratta, di realtà vissuta o similare. Il poeta no. Secondo una certa dottrina egli è una specie di malato mentale che parla a sè stesso come davanti ad un finto specchio universale. Un disadattato che racchiude in poche parole o pochi versi tutte le sue nevrosi e la sua incapacità di collocarsi. La realtà in genere è molto diversa dai teoremi dei tanti predicatori del corretto assoluto, di un’ ortodossia fatta in casa a proprio uso e consumo, di quel modo di pensare che esclude tutti gli altri soltanto perchè diversi da esso.  La poesia è sì tristezza, introversione, autopsicoanalisi e sofferenza, ma è anche gioia, canto della vita e persino canto della morte inteso non come la fine di una storia narrata bensì come inizio di un’ esistenza libera dal peso dell’ apparato gastrico. Ma questo modo di vedere la poesia è solo uno dei due piloni su cui poggia il viadotto letterario che vuole sorvolarla, l’altro, paradossalmente, è rappresentato dalla poesia d’ elìte, dai poeti “istituzionali”, da quei sacerdoti del verso che mal sopportano questa onda oceanica non professionista priva del sigillo papale dell’ ufficilità e dell’ ortodossia poetica, secondo i quali è poesia solo ciò che non si capisce, solo ciò che pulsa nelle vene di un vate consacrato tale da anni di travaglio interiore e che lo porta  a scrivere oggi versi incomprensibili quanto quelli di ieri. Questo atteggiamento vagamente snob, lo stesso che partorisce recensioni per pochi eletti e bolla tutto il resto, con pietosa compassione, come smania dilettantesca, pare essere la posizione ufficiale del pianeta Poesia. Personalmente credo che essa sia da intendersi invece come un respiro più ampio di quelli che, inconsapevolmente, facciamo ogni 20 secondi. E se è tale non può sottostare a codifiche ed a timbri notarili della rima ma può e deve respirare liberamente avendo dignità di cittadinanza letteraria perchè quando delle parole poste in sequenza fanno battere il cuore a chi le legge, quella è Poesia.    

SESSO ANIMALE

Riferendomi  al precedente articolo Bestia sarai tu e ad una notizia apparsa giorni addietro su “Il Giornale” che denunciava il crescente reclutamento di donne da avviare alla sconvolgente pratica del sesso con animali, in particolare cani e cavalli, non posso non tornare sulla miseria culturale umana.  Assodata la insaziabile mania dell’ uomo per la distruzione di ciò che è bello e naturale, certificata, oltre ogni ragionevole dubbio, dal saccheggio “lanzichenesco” del nostro sfortunato, proprio perchè abitato dal bipede insensato, Pianeta, il nostro stomaco di persone normali si deve rivoltare una volta di più davanti alla maniacale interpretazione del sesso nelle sue varianti della follia note come bondage e altre forme di sottomissione. Il sesso per sua natura è la fonte della vita. Ma il bipede insensato è riuscito a farne fonte di morte, di prevaricazione, di annullamento della persona soggetta al potere del boia sessuale, il quale si nutre delle  sofferenze inflitte, fisiche e psichiche, fino all’ estremo risultato. Sono note le devianze mentali di individui che si eccitano e godono davanti a scene di sesso fatale la cui conclusione consiste nell’ uccisione, tragicamente vera, di povere donne cadute in questa bolgia alimentata dalla tratta di esseri umani. Ora questa miserabile frontiera si sposta oltre i confini dell’ immaginabile e, in un mondo servo del denaro e schiavo del potere, approda al sacrilego coinvolgimento di creature innocenti e inconsapevoli come gli animali, i quali, sia detto a beneficio di sua maestà l’ ignoranza padrona assoluta di certe menti, il sesso lo praticano con esclusiva finalità procreatrice ubbidendo a precise regole naturali. Dunque il miserabile bipede umano,  dopo aver sporcato il sesso della sua specie non esita ad infangare l’ anima nobile degli animali per raggiungere le vette più alte della depravazione e della malattia mentale.  Qualcuno si chiederà il perchè di tanto sdegno visto che parliamo di uomini e donne capaci di ideare i campi di concentramento e di praticare la pedofilia. Perchè sorprendersi della miseria umana quando medici si sono dedicati alla vivisezione di persone nei lager, quando psichiatri hanno assunto la direzione tecnica e politica di campi di tortura e di annientamento di popoli? In verità non c’è sorpresa alcuna, solo lo schiaffo di un’ altra drammatica conferma di appartenere, nostro malgrado, alla specie più miserabile, più crudele, più sanguinaria ed immorale che esista al mondo.    

Banner3
banner200x200
Banner4
banner350x150